Coldiretti PU, Covid e poveri: consegnato alle famiglie in difficoltà oltre 1 quintale di cibo

0
1

PESARO URBINO – Oltre un quintale di cibo a chilometro zero donato alla Caritas di Pesaro e destinato alle famiglie bisognose. La solidarietà continua nei mercati di Campagna Amica della provincia di Pesaro Urbino. E quello che sono riusciti a raccogliere gli agricoltori di Coldiretti Giovane Impresa e di Donne Impresa nel corso del mese di dicembre con l’iniziativa Spesa Sospesa si è tramutato in frutta, formaggio, legumi, pasta e passato di pomodoro.

Generi alimentari che nei giorni scorsi sono stati consegnati, appunto, alla Caritas per la successiva distribuzione. Un impegno di sostegno alla comunità che Coldiretti si è preso fin dalle prime battute della pandemia. La crisi economica innescata dall’emergenza sanitaria ha colpito la popolazione e costretto molte famiglie a rivolgersi ad associazioni benefiche. Un grido d’aiuto colto da tutto il mondo agricolo che si è mobilitato. Per il presidente di Coldiretti PU, Tommaso Di Sante, e per il direttore provinciale Claudio Calevi “i risultati di queste iniziative sono motivo di grande soddisfazione.

L’agricoltura ribadisce la sua capacità di coniugare economia ed etica al servizio del territorio. La Spesa Sospesa andrà avanti anche nei prossimi giorni attraverso i mercati settimanali. Per quanto fatto e per quanto ancora da fare ringraziamo Giuditta Mercurio che, in qualità di presidente degli Agrimercati provinciali, ne ha seguito l’organizzazione”.  Già nel primo lockdown Coldiretti Pesaro Urbino aveva provveduto, attraverso la Protezione Civile, ad aiutare 15 famiglie indigenti con mezzo quintale di prodotti tra lonze e prosciutti, salsicce secche, farro, ceci, lenticchie, pesche, confetture, passate e formaggi.

A dicembre, inoltre, attraverso la Fondazione Campagna Amica, sono stati consegnati altri 1758 chili di pasta tramite le Caritas diocesane di Pesaro, Fano e l’associazione DomoMia-Banco Alimentare. Tutto cibo 100% italiano e di alta qualità per dare, oltre che un concreto aiuto alle famiglie, anche un sostegno all’economia locale in questo momento di grande difficoltà.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here