“C’era una volta… una città dei bambini”. Sabato un convegno a Fano

2
1274

FANO – “Siamo al secondo appuntamento nel percorso che BC e L’Alveare si sono dati per i prossimi tre anni. Dopo l’iniziativa sulle politiche sociali abbiamo pensato di affrontare il tema della città dei bambini di questo importante progetto che la nostra città nel ’91 aveva posto come strategia centrale.
Nel programma elettorale di BC del 2004 così affermavamo a riguardo “Considerare i bambini come soggetti di cittadinanza attiva e non solo come utenti di servizi. Il bambino come parte viva ed attiva della vita della città “, noi vorremmo che questo spirito possa tornare ad essere al centro del pensare politico.
Questa nostra iniziativa si pone con un spirito di collaborazione, un contributo , uno stimolo a questa amministrazione che si è ripromessa di rivitalizzare dopo gli anni di sonno delle precedenti amministrazioni.
Noi partiamo da un assunto. Crediamo che una “Città dei Bambini” sia stata un’ottima intuizione. Crediamo che la città dei bambini non sia una città utopica o fantastica, ma un modello concreto.
Crediamo che non sia un progetto pedagogico, ma un progetto politico che una giunta può sposare o rifiutare., e siamo contenti che questa amministrazione abbia ripreso in mano questo progetto.
La città dei Bambini è stato un progetto pilota, avveniristico, che ad un certo punto si è interrotto. Il nostro obiettivo non è rilegare i fili del passato, ma trovare una prospettiva.
Dalle nostre città, con alcune eccezioni coraggiose, anziani e disabili stanno scomparendo dai percorsi cittadini.
Una città che prende il bambino come parametro è una città migliore per tutti e che tiene conto di tutte le fragilità. Una città imperniata sulle sole esigenze dell’adulto mina inevitabilmente le mobilità delle fasce deboli della popolazione.
Certamente con le passate amministrazioni l’idea iniziale aveva visto una riduzione sempre maggiore della visibilità e della considerazione da parte del Comune stesso e di conseguenza della maggior parte dei cittadini.
Oggi finalmente è stato ripreso in mano e, già dallo scorso anno ma ancor più negli ultimi mesi, sta cercando nuovamente di ritrovare la sua veste iniziale che inevitabilmente va rimodellata su un’infanzia con 25 anni in più di evoluzione ma che non può che riconfermare la sua centralità nella visione e nella programmazione di una città.

E’ questo il coraggio che intendiamo chiedere al sindaco, che se una città calibra le proprie scelte sui bisogni di chi ha meno voce in capitolo, questa sarà una città a giusta misura per tutti.

Il Convegno che avrà luogo domani e che trova la presenza di persone competenti che per tanti anni hanno collaborato a portare avanti progetti interessanti e costruttivi per le bambine e i bambini della nostra città, vuole rappresentare nella giornata di sabato un momento di confronto, di arricchimento reciproco, di raccolta di idee e di visioni che possano supportare e affiancare lo sviluppo del progetto per tornare al suo più alto splendore.
Il convegno, sarà articolato in due momenti ben distinti ma intrecciati e complementari tra loro: al mattino si ripercorrerà la storia di un’idea, il futuro che l’amministrazione vuole darle e le possibilità di sviluppo che essa ha come potenziale; al pomeriggio si raccoglieranno tutti i preziosi interventi di chi, lavorando con i bambini o meno, riconosce il fondamentale ruolo dell’infanzia come punto cardine attorno al quale prendere decisioni e progettare all’interno della propria occupazione o passione.
Anche qui in evidenza tanti nomi presenti in ruoli significativi nel mondo che ruota attorno al mondo dei bambini”.

Sabato 7 maggio 2016
ore 9,30-12,30/15,30-18
Sala del Consiglio Comunale
Fano
C’era una volta…….
una città dei bambini

2 COMMENTS

Rispondi