C’è ancora troppa gente in giro. Il Lido a Fano come in estate

11
995

FANO – L’obbligo di restare a casa purtroppo continua a essere disatteso da moltissime persone. Queste immagini si riferiscono alla zona del Lido di Fano dove poco fa è stato girato questo breve video. Tante persone, in barba alle disposizioni di legge, preferiscono uscire all’aria aperta e continuare la vita di sempre. Al di là dei rischi è anche una mancanza di rispetto nei confronti di chi resta in casa.

Dai medici cinesi attualmente ospiti a Roma è arrivato un rimprovero sui comportamenti degli italiani: c’è ancora troppa gente in giro. A dichiararlo sono Liang Zongan e Xiao Ning, il primo professore di medicina polmonare all’ospedale di Sichuan e il secondo vicedirettore dell’Istituto Nazionale delle malattie parassitarie e del centro nazionale per la prevenzione. “Da quanto abbiamo potuto vedere fino ad ora e in base alla nostra esperienza” hanno dichiarato i due esperti cinesi ai media “per strada ci sono ancora troppe persone e comportamenti da migliorare”.

11 COMMENTS

  1. Ma c’è qualcuno che oggi sta presidiando le zone lido di Fano e in generale il lungomare, dove oggi sembra una normalissima giornata da passeggio spensierato??!! L’amministrazione comunale sta vedendo queste immagini e video?? E soprattutto si possono cominciare a fare più multe per queste persone che non hanno rispetto per il personale medico che è stremato dall’emergenza….Che vergogna….

  2. Non ci sono parole per descrivere queste persone senza un minimo di rispetto per tutti coloro che stanno a casa e per chi lavora ininterrottamente per salvare tante vite umane.
    C’ è solo una cosa da fare, multe salate, chissà che da quell’ orecchio ci sentono meglio.

    • Ieri abbiamo accompagnato mio padre al cimitero, morto a 84 anni per patologie pregresse e contagiato dal Virus dopo un mese di ricovero.
      E’ morto solo, alcuni famigliari sono in quarantena e non sono potuti essere presenti alla frettolosa tumulazione,
      Ben due pattuglie Vigili Urbani e Polizia però sono entrate al Cimitero “ricordandoci” di non creare assembramento.
      Vergognoso quando i soliti incoscienti mettono a rischio la vita di tutti , forse sarebbe più utile controllare questi luoghi piuttosto che il Cimitero.

  3. CHIARIMENTI DEL MINISTERO DEGLI INTERNI:

    10 E’ consentito fare attività motoria all’aperto?

    Lo sport e le attività motorie svolte negli spazi aperti sono ammessi nel rispetto della distanza interpersonale di un metro. In ogni caso bisogna evitare assembramenti

    • Ma piantiamola di prendere la scusa delle attività motorie, che tra l’altro nel mio quartiere vedo anche chi lo fa in coppia o a tre.
      Ve ne fregate della salute vostra e degli altri, e tutto il resto? Ok, almeno allora pensate che la tanta amata libertà, le abitudini e la vita di prima, ritorneranno sempre più tardi se si continua così!
      Pensate che di stare ancora così fino a Maggio-Giugno, cosa tra l’altro comunque probabile, poi vediamo.

      • Si vabè…se vado a correre per i fatti miei non trasmetto nulla e neppure ricevo e mantengo il corpo in forma…edicole, bar con distributore, banca, posta uffici e fabbriche sono ancora aperte, dove la gente continua ad avere regolari contatti…e te la prendi con chi fa una salutare corsa? Ma per piacere! In fondo il decreto lo ha scritto il Presidente del Consiglio dei Ministri, mica io 🙂

  4. Ma infatti è sbagliato, coprifuoco ed esercito sulle strade fin da subito, così magari la gente capiva subito e meglio che la cosa è seria (e lungi da me butatrla sulla politica di cui non m’interessa assolutamente nulla).
    La Spagna ha sottovalutato ed è partita tardi pur con noi come esempio, ma certe misure le ha prese fin da subito.
    Gli ospedali sono allo stremo, nelle Marche siamo già al limite, messi peggio più che in Lombardia.
    Ma sia mai starsene a casa un po’ di più, o evitare anche certe attività (che tra l’altro se ci s’infortuna più o meno seriamente, auguri…. auguri prima, figuriamoci ora).
    Le attività aperte sono per le necessità, ci si deve andare solo per quello, il minimo ed inderogabile indispensabile, non per fare l’uscita o la passeggiatina fuori da casa.
    Di questo passo e con certi comportamenti stiamo in carrozza fino all’estate od oltre, se ci va bene.
    Neanche rinchiusi in casa siamo capaci a stare.

  5. la cosa che fa più rabbia è che molti di questi sbruffoni non lavorano per evitare i contagi e si fanno le vacanze ..dovrebbero solo vergognarsi ..ma del resto senza controlli o multe se ne fregano ..probabilmente non hanno neppure capito cosa stiamo vivendo … ma stare a casa vi spaventa così tanto? Non avete nulla per riempire le vostre giornate ?

    • IPOCRITI sia quelli in strada sia i bacchettoni in casa, i politici ci danno il loro buon esempio e ci fanno intendere che dobbiamo fare enormi sacrifici, loro però non rinunciano a nulla IPOCRITI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here