Home Seconda Pagina “Cartoceto Dop, il Festival”: buona affluenza anche da fuori regione

“Cartoceto Dop, il Festival”: buona affluenza anche da fuori regione

0

CARTICETO – È stato certamente il vento ad accogliere i visitatori della prima domenica di “Cartoceto Dop, il Festival – 46^ Mostra Mercato dell’Olio e dell’Oliva”. La kermesse, organizzata dal Comune di Cartoceto e dalla Pro Loco cittadina, con il patrocinio del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, della Regione Marche, della Provincia di Pesaro Urbino e della Camera di Commercio delle Marche, la partnership di ConfcommercioColdirettiAlberghi Consorziati AIS Marche e il principale sponsor Lancia e numerosi altri sponsor privati, ha avviato la sua intensa quanto attesissima narrazione di un territorio plurale che parla tanto la lingua dell’eccellenza agroalimentare quanto quella artistica, paesaggistica e culturale. Se gli amanti delle eccellenze agroalimentari si sono riversati, come da tradizione, in Piazza Garibaldi sin dal mattino per gli acquisti di olio, olive, vino e conserve direttamente negli stand dei produttori del Consorzio DOP Cartoceto e in via Umberto I per il mercatino alimentare a chilometro zero, curiosi e amanti della buona musica e della cucina hanno affollato il festival e i vari eventi in programma per tutto l’arco della giornata.

Al taglio del nastro, seguito come da tradizione dall’esibizione del Corpo Bandistico di Cartoceto, presenti i sindaci o loro delegati dei comuni dell’areale di produzione della DOP Cartoceto e dei comuni delle altre DOP della provincia di Pesaro Urbino, nonché alcuni rappresentanti della Regione Marche e della Provincia di Pesaro Urbino, alcune autorità militari e religiose e i principali partner del festival.

Il pubblico del festival è sempre più sovraprovinciale e sovraregionale, richiamando anche quest’anno tantissimi appassionati da fuori regione, con prevalenza dall’Umbria, dall’Emilia Romagna e dalla Toscana.

Grande interesse anche per la rassegna-show cooking “La cucina dei sapori. Genuina ma non ingenua”, uno spazio di conoscenza e degustazione di piatti preparati da tre chef marchigiani capitanati da Lucio Pompili del Symposium, volti a nobilitare l’olio DOP Cartoceto che, per la prima domenica, ha visto avvicendarsi in cucina gli chef Michele Poletti di “Polo” (Pesaro), Valerio Ferri de “Le Fontane” (Cagli) ed Errico Recanati di “Andreina” (Loreto), 1 stella Michelin.

Un’atmosfera esplosiva e di festa si è respirata in lungo e in largo per tutto il borgo. L’esibizione della marching band toscana Bandita con la sua esuberante energia, ha portato una ventata di funk e divertimento tra le stradine del centro storico. A causa del forte vento, spostato invece nei nuovi spazi dell’Officina lo spettacolo per i bambini e le famiglie “Savoir Faire” di Damiano Massaccesi dedicato alle avventure clownistiche e funamboliche di un surreale e poliedrico personaggio, mentre le esibizioni break dance della crew dei BBoys tra acrobazie ed equilibrismi al limite del possibile si sono svolte in Piazza Garibaldi.

Riuscitissimo anche il contenitore realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier-Delegazione di Pesaro Urbino presso il Belvedere di via Cardinal Pandolfi dove assieme alla degustazione guidata dei vini del territorio è stato possibile fare un aperitivo e godere della musica di un giovanissimo talento vocale, Sharina Bryan con il suo trio, nel concerto nato dalla collaborazione con l’Urbino Jazz Club.

E poi le mostre degli artisti locali, del Maestro Mario Dondero, il moto-incontro delle Harley Davidson, i Sentieri Verdi in bike e a piedi e il Primo Giro dei Frantoi, competizione podistica non agonistica e camminata che hanno interessato i tanti viandanti innamorati del territorio ed entusiasti della visita ai frantoi.

Strabordante poi la presenza di un pubblico calorosissimo per il concerto di Simona Molinari al Teatro del Trionfo, sold out già da numerosi giorni.

Una prima domenica dunque davvero ricca di iniziative e di proposte che hanno abbracciato tutte le varie anime del borgo: dall’olio DOP Cartoceto, alla tradizione enogastronomica a tutto tondo, dall’arte alla storia, dalla cultura al divertimento più leggero e aperto anche ai più piccoli. Ora fari puntati sulla seconda.

Tutto il programma su www.prolococartoceto.com

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version