Carriera: “Sto programmando la nostra sopravvivenza. Incontrerò altri imprenditori”

0
1084

PESARO – “La disobbedienza civile, è necessaria per sopravvivere. Toglierci la dignità di lavorare significa morire“. Così su Facebook il ristoratore Umberto Carriera che da alcune settimane sta portando avanti la sua battaglia contro il DPCM del Governo, che impone la chiusura anticipata di bar e ristoranti. “Dobbiamo fatturare e battere gli scontrini per CAMPARE (sinonimo di sopravvivere, ma molto più incisivo). Leggo nelle ultime ore, che molti hanno “perso la pazienza“. Nei prossimi giorni – prosegue Carriera – incontrerò diversi imprenditori locali che vogliono TENERE APERTO nel rispetto dei protocolli. Il pool di avvocati che mi segue, seguirà anche loro, anche voi (gratis) e vi spiegherà perché le multe sono incostituzionali, così come i DPCM. Nulla va pagato, nessuno vi chiederà niente”. Sto programmando la nostra sopravvivenza. Chi non vuole morire di fame mi scriva in privato. Ma dovete avere le pa**e. E mi rendo conto – conclude il giovane ristoratore – che non è per tutti”.

 

Foto Facebook Umberto Carriera

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here