Assunzione Aset, M5S: “La presidente Capodagli si dimetta”

2
2518

FANO – “Sta diventando imbarazzante anche per noi intervenire tutte le settimane per chiedere le dimissioni di esponenti politici o di dirigenti di nomina politica, quindi non osiamo immaginare in quale stato confusionale si trovi la maggioranza che – purtroppo – ci serve continuamente su un piatto d’argento l’occasione per farlo.
L’ultima in ordine di tempo è l’assunzione, da parte di Aset Spa, della coordinatrice del circolo PD di San Lazzaro, Daniela D’Agata, nella segreteria della Presidente Lucia Capodagli, esponente dello stesso partito.
Tra i partiti della maggioranza, colti da isteria generale, è iniziato lo scaricabarile: il segretario del PD Marchegiani afferma di cadere dalle nuvole e pretende a gran voce le dimissioni della D’Agata da tutti i suoi incarichi politici; gli alleati, che si dicono ignari anch’essi del fattaccio, si risvegliano dal letargo e in un ritrovato slancio di rigore morale esigono la convocazione di una riunione di maggioranza straordinaria. Peccato che poi, nonostante le voci grosse, tutto a tarallucci e vino, come finora accaduto: ricoprire posti di potere in questa città, anche al prezzo di cedere su fronti importanti, fa gola a tanti, sicuramente troppi.
E volete vedere che alla fine vorranno far ricadere tutta la responsabilità del misfatto sulle spalle della giovane funzionaria del PD appena assunta?
Noi invece chiediamo le dimissioni dell’unica persona che sicuramente ha avuto un ruolo determinante nella vicenda, finora lasciata volutamente nell’ombra, e cioè la Presidente di Aset, Lucia Capodagli. A lei ricordiamo che in passato non è mancato il passo indietro di importanti esponenti politici proprio in seguito ad alcune assunzioni “chiacchierate” sotto il profilo dell’opportunità. Siamo sicuri che anche a lei non mancherà la dignità professionale e il senso di responsabilità per riconoscere i suoi errori e trarre le dovute conseguenze.
Per il resto, questo episodio, dopo quello della CPL Concordia, non fa altro che evidenziare ancora una volta come questa Giunta e i partiti che la sostengono adorino farsi belli con i codici etici, gli Assessorati alla legalità e alla trasparenza, le (sacrosante) campagne di Libera per presentarsi agli occhi dei cittadini come gli unici depositari dell’etica pubblica, ma anche come falliscano miseramente quando passano ai fatti”.

Marta Ruggeri
Hadar Omiccioli
Roberta Ansuini
(Consiglieri Comunali)
Rossella Accoto
(Candidata Consigliera Regione Marche)

2 COMMENTS

  1. Follia….. ma quando la finiremo di gestire “politicamente” le aziende legate alla politica ? Non sono iscritto a nessun partito ma vorrei fare con voi questa riflessione.
    1) il presidente di Aset ha assunto una persona, assumere è un suo diritto, l’importante è far quadrare i conti ed arrivare a fine anno con utili e non debiti.
    2) la persona che è stata assunta ha un “vero curriculum” ? è in linea con quello che dovrà andare a fare? La risposta mi sembra essere SI
    3) Questa persona ha legami di parentela con il presidente ? Non mi sembra
    4) Questa nuova assunta è stata assunta come dirigente o come quadro ? Non mi sembra assolutamente
    5) Questa persona è stata assunta con un livello inferiore rispetto alla persona che ricopriva lo stesso incarico in precedenza? Mi sembra di SI

    Detto questo dovete finirla, sinistra, destra tutti quanti di fare i permalosi perchè uno assume e non vi informa. Da profano il dubbio mi viene, volevate mettere un vostro/a raccomandato/a ?

    Incominciamo a valutare le aziende anche se comunali o regionali come aziende “padronali”, incominciamo a valutare i risultati e i curriculum. Quanti di quelli che criticano hanno un curriculum reale all’altezza della posizione ricoperta? Quanti presidenti / amministratori delegati / dirigenti hanno precedentemente ricoperto posizioni analoghe in aziende private ? dove se non porti i numeri e non fai quadrare i conti sei fuori.

    E’ facile spingere sulle dimissioni, è la cosa più semplice, la cosa più difficile è avere il coraggio di aspettare e guardare i risultati a fine operato.
    Io accetto bonus anche super onerosi, non m’importa ma devono essere legati ad un reale e certo guadagno dell’azienda.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here