Asportato un tumore di 6 chilogrammi all’Ospedale di Urbino

0
105

URBINO – All’ospedale di Urbino asportato un tumore del peso di sei chilogrammi. L’operazione, avvenuta nella giornata di lunedì per via laparotomica su una donna di 59 anni, è stata eseguita dall’equipe del reparto di ginecologia.

“Un intervento importante – dichiara il direttore Generale Ast PU Nadia Storti – che richiede un’elevata esperienza nella gestione clinico-chirurgica. Una dimostrazione di come l’ospedale di Urbino si dimostra luogo in cui competenze scientifiche e tecniche diventano un impegno al servizio dei pazienti, per garantire cure eccellenti e accessibili all’intera comunità. L’ospedale di Urbino è sempre più centrale e punto di riferimento per l’intero entroterra, che come previsto dal piano socio sanitario ha un’importanza determinante per i cittadini delle aree interne. Complimenti all’intera equipe e a tutti gli operatori coinvolti”.

“L’intervento è durato circa tre ore – spiega Leone Condemi direttore della struttura di Ginecologia dell’Ospedale Santa Misericordia di Urbino – asportando una cisti ovarica ovalare del diametro di 20 x30 x50 cm. La paziente, con peso di 50 kg, già in prima giornata è stata mobilizzata , nella giornata odierna ha tutti i parametri nella norma  e nella giornata di domani verrà dimessa. Voglio ringraziare tutti gli operatori che hanno lavorato e portato a questo importante risultato dal personale di sala operatoria, a quello del servizio di anestesia che ha praticato secondo i protocollo ‘ERAS’ il  controllo del dolore nel post operatorio”.

Le cisti ovariche rappresentano una delle affezioni più comuni nel sesso femminile. Accanto a cisti non neoplastiche funzionali (follicolari o luteali) di dimensioni relativamente modeste, sono da ricordare le forme tumorali, nella maggior parte benigne ed ascrivibili a tumori sierosi o mucinosi, di dimensioni di 10-15 cm o anche maggiori. In relazione all’educazione sanitaria ed alle correnti pratiche di periodici controlli clinici e diagnostici, tali neoformazioni vengono diagnosticate in fase relativamente precoce prima che raggiungano dimensioni cospicue, anche se spesso a lungo clinicamente paucisintomatiche.

“Si tratta di un risultato importante – sottolinea il vice presidente con delega alla Sanità Filippo Saltamartini – che dimostra la grande professionalità del nostro personale sanitario, che ringrazio. L’intervento è certamente rilevante, come importante è la prevenzione soprattutto quando parliamo di una patologia così diffusa e ricorrente. Urbino si conferma ancora una volta punto di riferimento per prevenzione e cura femminile”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here