Anna Tonelli: “La Festa per il Parco quest’anno non si farà”

11
4466

FANO – “Dopo sedici anni che il Comitato Bartolagi con sudate fatiche e molto impegno organizza la Festa per il Parco del 2 giugno, oggi siamo costretti ad informare l’intera cittadinanza e le numerose famiglie che sono sempre intervenute che la Festa quest’anno non si farà.
La decisione è stata presa con rammarico e ha provocato in tutti noi organizzatori una grande sofferenza, ma non si poteva fare altrimenti. Ma veniamo ai fatti.
Bisogna partire dalla Delibera di Giunta N.50 del 18 febbraio 2016, voluta dall’Assessore al Patrimonio Carla Cecchetelli. Con essa viene concessa alle associazioni venatorie un’ampia zona del Campo d’Aviazione (ben 21 ha circa) all’interno della quale sarà realizzata una zona per l’addestramento dei cani da caccia (Z.A.C.), nonostante che l’assessore all’ambiente Samuele Mascarin, interpellato dalla collega, avesse espresso un chiaro parere sull’inopportunità di tale concessione, illustrandone i motivi.
La Delibera è stata approvata dalla Giunta e a nulla è servita la protesta congiunta delle Associazioni Lupus in Fabula, Argonauta e Comitato Bartolagi, così come le successive ripetute sollecitazioni del Comitato Bartolagi, che chiedevano di ritirare quell’atto. Nessuna risposta; solo il 17 maggio siamo stati convocati dall’assessore Carla Cecchetelli che ci ha semplicemente ribadito la sua ferma volontà di favorire nell’utilizzo dell’area soltanto una tipologia di associazioni, escludendo tutte le altre, adducendo a pretesto di dover sanare una situazione di uso illegittimo da parte di chi arbitrariamente già vi addestrava i cani e la necessità di risparmiare “rilevanti esborsi economici” per lo sfalcio della vegetazione esistente. Facciamo presente che nel Campo d’aviazione la zona di addestramento cani non c’è più da decenni, anzi l’area è da tanti anni che viene coltivata da una cooperativa, un tempo a grano poi da qualche anno ad erba medica, senza nessun esborso da parte di nessuno.
Avevamo pensato ad una Festa in grande, più degli anni passati, visto che finalmente questa Amministrazione aveva ottenuto l’atteso risultato del passaggio gratuito dell’area dal Demanio alla cittadinanza ed ha già istituito un Tavolo di Progettazione Partecipata del Parco del Campo d’Aviazione, il cui coordinatore è lo stesso Assessore all’Ambiente, al fine di proseguire un percorso partecipativo per giungere alla realizzazione del Parco. Ci saremmo aspettati che chi dice di avere a cuore il Parco non trascurasse di interpellare anche il Tavolo di Progettazione sull’opportunità di un atto che di fatto frammenta l’area favorendo una categoria privilegiata che nulla c’entra con un Parco Urbano, e provvedesse piuttosto a far sì che il Parco, già fruito ampiamente dalla gente, venisse dichiarato zona vietata alla caccia.
Chiediamo all’assessore al Patrimonio e al Sindaco che venga revocata la Delibera di concessione della Z.A.C. e si provveda ad una nuova Delibera che tenga conto della classificazione sul P.R.G. di zona adibita a verde pubblico di tutta l’area del Campo d’aviazione, per altro già ampiamente frequentata dalla cittadinanza, un’area di elevato interesse naturalistico per la presenza di specie di uccelli nidificanti, comprese quelle migratorie, e di altre specie animali. Infatti, nel rispetto dovuto al lavoro e ai tempi del Tavolo Tecnico, sarebbe utile e necessario prendere provvedimenti che abituino tutti quelli che già frequentano quell’area a rispettare gli spazi verdi, come per esempio mettere cartelli che proibiscano il passaggio e la sosta sui prati ad auto e moto, lo scarico di rifiuti e qualunque altro uso improprio degli stessi spazi verdi, visto che adesso la proprietà del Campo d’Aviazione è comunale.
Ci sembra gravissimo che il Parco venga spezzettato assecondando gli interessi di questo o quel gruppo di persone o di qualche associazione: gli appetiti su quell’area sono tanti e dopo i cacciatori altri soggetti potrebbero avanzare analoghe richieste!
Ritirare la Delibera sarebbe il giusto segnale che il Parco c’è già e va rispettato da tutti; inoltre sarebbe anche
un segno evidente e tangibile a tutti dell’interesse di questa Amministrazione alla realizzazione del Parco”.
Anna Tonelli

11 COMMENTS

  1. Caro Comitato Bartolagi,
    la VOSTRA Giunta vi ha impacchettato alla grande e vi ha dato già un segno evidente e tangibile!

  2. Prevalgono ancora le lobbies. Suggerisco al Comitato di organizzare un flash mob di protesta !!!!! Io ci sto .

  3. Che si possa riprendere un aspetto di semplicità. Passa parola tra coloro che desiderano esserci. La festa può essere partecipazione. Se non può essere “grande” poco importa. Importante è viverlo il parco! Se non fosse per rispetto di coloro che hanno dato dato a quel progetto e per quali nutro grande rispetto. Io ci sarò. .fossi anche solo!

  4. Sbagliatissimo non fare la festa, sono più di 20 anni che tutte le mattine vado al campo d aviazione con il cane, e con le dovute regole non ci vedo nulla di male che in questo momento l addestramento dei cani utilizzi quella parte che nessuno ora usa e forse sarà più pulito. In futuro si vedrà.

Rispondi