Abbandono di rifiuti in aumento, Reginelli: «Aset tiene alta la guardia»

Abbandono di rifiuti in aumento, Reginelli: «Aset tiene alta la guardia»
Tempo di lettura: < 1 minuto

FANO – L’abbandono di rifiuti è aumentato in queste settimane di restrizioni anti contagio. Meno persone su strada, meno rifiuti: la logica porterebbe a questa conclusione, ma non è così. Gli ispettori ambientali di Aset spa hanno infatti accertato un incremento di comportamenti scorretti, dovuti a indifferenza, scarso rispetto per la comunità di appartenenza e cattiva educazione. 

«Sono episodi riconducibili a una minoranza di incivili, ma non per questo meno impattanti, fastidiosi e condannabili, quindi continuiamo a tenere alta la guardia», afferma il presidente di Aset spa, Paolo Reginelli, aggiungendo che «continua a essere un preciso impegno dell’azienda individuare chi sbaglia, ricorrendo sia agli ispettori ambientali sia alla video-sorveglianza: i trasgressori, di conseguenza, sono sanzionati in modo rigoroso e adeguato».

Da alcune settimane è dunque evidente un incremento di episodi non consoni rispetto a criteri di decoro e pulizia. Succede a volte che i bidoni della raccolta Porta a Porta siano esposti fin troppo in anticipo sugli orari oppure, ancor peggio, che ogni tipo di materiale sia inserito nei cassonetti senza essere differenziato o che sia abbandonato nelle isole ecologiche o nelle loro vicinanze, nelle piazzuole stradali, nei fossati, nei luoghi meno frequentati. In aperta campagna, poi, capita di scoprire scarti di demolizioni edili e taniche di olio esausto. Rifiuti pericolosi, sia per l’ambiente sia per la salute pubblica. C’è un rischio, però, anche per chi se ne disfa senza tanti complimenti: doverne rispondere all’autorità giudiziaria.

Una telefonata ad Aset permette interventi tempestivi ed è molto più efficace di post sulle reti sociali. Per le segnalazioni i recapiti sono: 0721/83391 oppure igiene.ambientale@asetservizi.it

                                                                                                                     ASET S.p.A.

Condividi:
  1. dovrebbe essere esattamente il contrario ..cioè stare forzatamente a casa dovrebbe aiutare nella corretta differenziata e sarebbe l’occasione perdi muoversi per portarla nei vicini contenitori ..invece è una scusa per fare ancora peggio ..gente in casa spesso si abbruttisce ancora di più e diventa ancora più incivile e così con i bidoni della differenziata a tre passi approfittano per lasciare sacchettoni neri pieni di tutto ..che gli zelanti netturbini portano via ..senza neppure verificare ..niente ferma la maleducazione..

    Rispondi

Rispondi

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com