16enne aggredito a calci e pugni da due ragazzi alla fermata dell’autobus

0
403

URBINO – Al termine di attività di indagine coordinata dalle Procure della Repubblica di Urbino e dei Minorenni di Ancona sono stati individuati e denunciati gli autori di una violenta aggressione ai danni di un minorenne, studente in un istituto superiore Urbinate. Questi i fatti: la mattina dello scorso 13 febbraio la Volante del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Urbino veniva inviata in via Fontanoni nei pressi della fermata dell’autobus, per una lite tra studenti.

Giunti sul posto i poliziotti trovavano un giovane nei pressi della pensilina che, in evidente stato di paura, aveva impressi i segni di una violenta aggressione con evidenti escoriazioni al volto e alle mani, nonché la perdita di molto sangue dal mento. Trasportato immediatamente il giovane al pronto soccorso tramite 118, la successiva attività permetteva di evidenziare come lo stesso, dell’età di 16 anni, dopo essere sceso dall’autobus, veniva avvicinato da due ragazzi che lo costringevano a portarsi dietro la pensilina.

Qui veniva colpito da entrambi gli aggressori con calci e pugni e spinto a terra. Nella caduta a terra il giovane batteva violentemente il mento; mentre era a terra si portava le braccia a protezione del volto ma veniva colpito da calci e pugni sul corpo e in faccia fino a quando, dopo le urla di alcuni passanti, i due aggressori si davano alla fuga. Le indicazioni fornite dal giovane e dai testimoni, un nome e le fattezze somatiche, permettevano di avviare una immediata attività di ricerca da parte dei poliziotti che, d’intesa con le Procure suddette, permettevano successivamente di stringere in breve tempo il cerchio attorno a due giovani, uno maggiorenne e uno minorenne.

I giovani aggressori venivano successivamente individuati; si tratta di un maggiorenne dell’età di 18 anni residente a Urbino e di un diciassettenne residente nel Territorio. Il più giovane dei due frequenta un istituto superiore del luogo. Entrambi dovranno rispondere per lesioni in concorso.

Rispondi