Vigilessa viene investita da un’auto mentre attraversa le strisce pedonali

Vigilessa viene investita da un’auto mentre attraversa le strisce pedonali

FANO – Un altro incidente è avvenuto sempre a Fano, intorno alle 7.30 di questa mattina all’altezza degli ex carri di Carnevale. Una vigilessa mentre stava attraversando sulle strisce pedonali è stata travolta da un’auto condotta da un fanese. E’ stata lei stessa a chiamare i colleghi che sono giunti sul posto poco dopo. La donna è stata  accompagnata al Pronto Soccorso del Santa Croce per medicare le escoriazioni riportate. Il semaforo che regola quell’attraversamento pedonale è al centro di numerose polemiche. Il pulsante che aziona il verde per i pedoni e il rosso per le auto, infatti, non funziona e il comune di Fano è ancora in attesa di un pezzo di ricambio da sostituire a quello rotto da molte settimane.

Condividi:
  1. Purtroppo la citta’ non e’ partita con SERI, e’ a dir poco alla malora, buche su buche piu’ di prima (preciso che non ho votato ne’ SERI ne’ AGUZZI), erbacce alte che limitano la vista negli incroci, molti piu’ topi in giro, etc….

    Rispondi
  2. Il semaforo che lampeggia è un semaforo funzionante a tutti gli effetti: avverte sia pedoni che automobili che c’è una potenziale situazione di pericolo, per cui occorre mantenere prudenza, soprattutto da parte degli automobilisti, che si trovano di fronte un attraversamento pedonale.
    Il semaforo che fino alla settimana scorsa dava il verde era un semaforo rotto (vedi tra gli altri la dimostrazione in un precedente servizio FanoTV). Tra la condizione di semaforo rotto (“inchiamabile” da pedoni e ciclisti) e quella di giallo lampeggiante, se la gente rispettasse il codice della strada, ritengo migliore il semaforo lampeggiante.
    Infine, va ricordata la scomparsa, con la precedente amministrazione, di parecchie strisce pedonali, dei dossi artificiali, per cui oggi gli automobilisti in città volano e non frenano! Mi auguro che la nuova amministrazione ripristini tutti i passaggi pedonali spariti nel nulla.

    Rispondi

Rispondi