I cantanti dello Slave Song di Fano al concerto dell’Italian Gospel Choir

I cantanti dello Slave Song di Fano al concerto dell’Italian Gospel Choir

FANO – E’ stata una serata unica, straordinaria ed emozionante quella che si è tenuta sabato 20 settembre 2014, alle ore 20.30, in Piazza del Duomo a Milano grazie al concerto dell’Italian Gospel Choir, il coro che rappresenta l’Italia in questo genere musicale. Per l’occasione la Nazionale ha disposto sul prezioso Sagrato della Cattedrale meneghina, nientemeno che 500 coristi provenienti da tutto il Paese. L’appuntamento, introdotto dall’inconfondibile voce di Radio Monte Carlo Nick The Nightfly, è interamente dedicato alle famiglie che, tra musica e Fede, vedranno il fulcro della metropoli lombarda tingersi di “Blu”. Questa originale idea nasce dalla collaborazione tra l’associazione f.i.r.m.a. – Federazione Italiana Ricerca di Musica e Arte, la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano e la Chiesa Cattedrale di Milano. Ed è proprio la f.i.r.m.a., guidata dall’eclettico cantante e musicista Francesco Zarbano, a portare in seno la gestione del blasonato coro che, lo ricordiamo, si esibì per la prima volta in Piazza Duomo nel 2011, con una formazione numericamente consistente che ottenne un inatteso successo di pubblico. Per questa edizione sono davvero tante le novità che si troveranno di fronte gli spettatori che seguiranno dalla piazza il concerto, a partire dalle performance canore dei veri protagonisti della serata: 500 cantanti che si cimenteranno, con tutta la loro potenza, in un repertorio totalmente nuovo e dai ritmi coinvolgenti.
I “Singers” saranno guidati dal talentuoso Maestro Alessandro Pozzetto che, oltre ad essere Direttore dell’Italian Gospel Choir, è anche un raffinato musicista e cantante dalle tecniche vocali degne del miglior “Gospel Man” americano. A comporre l’imponente coro sono stati presenti anche i cantanti dello SLAVE SONG GOSPEL CHOIR DI FANO, il coro gospel della nostra città, nato nel 1996 e che da ben 16 anni si esibisce in concerti, matrimoni e rassegne corali in Italia e all’estero. Dal 2008 lo SLAVE SONG è diretto dal maestro Emilio Marinelli ed è accompagnato da un valido gruppo di musicisti quali Paolo Berluti, Jacopo Santini, Mauro Mancini.

Preziosa l’adesione all’evento del rinomato service audio e luci Volume che si occuperà della complessa amplificazione della serata e della Dipiù Edizioni Musicali che ha dato all’organizzazione coordinata dal Direttore di Produzione Ing. Alfredo Mastroianni, tutto il supporto logistico assieme all’agenzia di comunicazione ed eventi Newmi. “Torniamo a Milano con la voglia di stupire e di mettercela tutta”, esordisce così il Presidente I.G.C. Francesco Zarbano, “Siamo un solo e unico coro formato da tanti e non tanti cori che ne formano uno. Vestiamo con amore e onore i colori dell’Italia e con questa filosofia di unione, da nord a sud e con umiltà, lavoriamo sempre e solo al servizio della Musica”, continua Zarbano, “Questa volta abbiamo trovato tantissime collaborazioni eccellenti e sinergie che, consolidate dal duro lavoro, hanno generato la realizzazione del grande sogno. Un sogno che meritano tutti i Miei ragazzi. A tal proposito, vorrei ringraziare pubblicamente il Presidente della Veneranda Fabbrica Prof. Angelo Caloia e Mons. Gianantonio Borgonovo, Arciprete della Cattedrale, per l’opportunità di riportare la musica Gospel Made In Italy in Duomo e nel luogo più prestigioso in assoluto, il Sagrato, permettendoci così di “pregare” cantando”.  Ad impreziosire ulteriormente l’appuntamento vi è il premio che il Presidente della Repubblica On. Giorgio Napolitano ha voluto concedere agli “Azzurri” inviando, per l’occasione, la seconda Medaglia di Rappresentanza che verrà consegnata al coro direttamente il 20. L’evento beneficia del sostegno e patrocinio della Fondazione Cariplo che è da sempre al fianco della cultura, oltre ad essere presente tra le realtà filantropiche più importanti del mondo, con oltre 1.000 progetti sostenuti ogni anno per 144 milioni di Euro e grandi sfide per il futuro. Giovani, benessere e comunità le tre le parole chiave che ispirano oggi l’attività dell’autorevole Ente lombardo. “Dalla coesione tra le persone parte la nostra piccola rivoluzione” così il Presidente della Fondazione Avv. Giuseppe Guzzetti “Perché ciascuno dia il proprio contributo per fondare il futuro della nostra società su quei principi di solidarietà e di innovazione sociale che sono alla base dell’operato della Fondazione Cariplo”. Da sottolineare anche le partnership e contributi di: Biffi, Gruppo Di Falco, Iori Casa D’Aste, Lantech Solutions, MEC, Must e di NEC, tutte società private che hanno voluto essere al fianco dell’Italian Gospel Choir, partecipando alla realizzazione dell’evento e dimostrando con i fatti una fortissima sensibilità nei confronti dell’arte e della musica. Importanti anche i patrocini istituzionali ricevuti per l’iniziativa, come quello della SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori che ha mandato il proprio sostegno al progetto attraverso il Presidente Gino Paoli, quello della Regione Lombardia, con il diretto Patronato del Presidente e quello del Comune di Milano – Assessorato alla Cultura che ha attivamente aiutato l’organizzazione, mettendo a disposizione alcuni spazi per il soggiorno dei numerosi cantanti. L’Assessorato alla Cultura ha, inoltre, inserito l’evento nell’importante palinsesto di “Metti Milano in Nota” (contenitore dedicato all’offerta musicale della città) come ultimo e conclusivo appuntamento della stagione che si è aperta proprio in Piazza del Duomo, il 26 maggio scorso, con il concerto dell’Orchestra Filarmonica della Scala. Anche la Camera di Commercio di Milano ha voluto essere presente all’evento, patrocinandolo e promuovendolo alle aziende lombarde attraverso il proprio Servizio Cultura e Creatività. E’ davvero considerevole la copertura mediatica data all’appuntamento del 20 settembre, grazie alla collaborazione tra la f.i.r.m.a. e due “colossi” dell’editoria italiana: il network nazionale RMC – Radio Monte Carlo che sarà la radio ufficiale della serata e il Gruppo Class Editori, la casa editrice leader nell’informazione finanziaria, nel lifestyle, nella moda e nel lusso, media partner dell’evento che ha promozionato attraverso i propri media. Le riprese ed immagini della serata saranno a cura esclusiva dello studio professionale e centro servizi immagine TecnoFoto Cremona. Insomma, gli ingredienti per assistere ad un grande spettacolo ci sono davvero tutti. Non mancheranno anche le sorprese musicali. C’è tanta attesa anche per l’ospite d’onore che arriverà appositamente per il concerto dagli Stati Uniti, ovvero Stefanie R. Minatee. Direttrice artistica del coro americano Jubilation Choir, vanta collaborazioni stellari nel proprio palmares, tra le quali l’aver cantato ed accompagnato coralmente il mito dei miti Ray Charles e non solo. La Minatee, presentata da Nick The Nightfly,  dirigerà la nostra Nazionale su “Nothing’s Gonna Stop Me”, brano scritto da lei e che verrà eseguito durante la serata. Ma la “Special Guest” americana ha in serbo altre due sorprese che, al momento, sono “top secret” e che potrebbero vedere anche il diretto coinvolgimento di Nick The Nightfly. Anche in questa occasione il coro sarà accompagnato strumentalmente dall’Italian Big Orchestra, ensemble diretto dal Maestro Rudy Fantin che, con una formazione di circa 10 musicisti professionisti, farà letteralmente muovere tutti i presenti. Appuntamento, quindi, da non perdere in Piazza del Duomo, sabato 20 settembre 2014 con il coro nazionale Italian Gospel Choir, dalle ore 20.30. Un concerto che si ripromette di entrare nell’anima, nel cuore e di rimanerci per sempre. Per maggiori informazioni www.italiangospelchoir.it – www.duomomilano.it oppure 39.29.800.800.
 

Condividi:

Rispondi