Difesa, maturità e serenità: il tris vincente della Paspa. Mattioli: “Se manteniamo questa concentrazione diventa difficile fermarci”

Difesa, maturità e serenità: il tris vincente della Paspa. Mattioli: “Se manteniamo questa concentrazione diventa difficile fermarci”

PESARO – Più difficile di vincere, c’è solo il ripetersi nella
vittoria. Arrivata al 15esimo successo su 15 partite giocate, la Paspa Pesaro
Rugby dimostra di essersi munita di solidi anticorpi per non allentare la sua
corsa spettacolare. Anzi. Non solo Pesaro continua a vincere, ma continua a
crescere pure nella padronanza della situazione in campo. Emblematiche le
ultime due vittorie: tanto diverse quanto ugualmente convincenti.
Devastante nella forma e nel punteggio il 79-3 con Rieti, da encomiabile
predisposizione alla battaglia e ai nervi saldi l’8-16 con ha espugnato
Cesena riportando a casa l’Adriatic Cup.
“Due partite in cui si è vista una Pesaro Rugby veramente adulta – la
soddisfazione del presidente Simone Mattioli – Credo che a Cesena
abbiamo toccato il punto più alto di maturità mostrato in questi mesi di
campionato. Perché il Romagna ci ha attaccato con una determinazione
dalla quale era difficile uscire indenni. Noi però in questo momento
abbiamo un’arma non comune nella difesa (che si conferma la migliore del
campionato) e nella serenità con cui abbiamo aumentato la capacità di
leggere i momenti della partita imparando a soffrire, a non andare in crisi
nella difficoltà e a riprenderci le nostre opportunità offensive con calma e
lucidità”.
Ma Mattioli incensa anche la vittoria con Rieti: “Un punteggio così netto
non falsa i giudizi su quella vittoria – assicura il presidente – Questa
domenica Rieti ha vinto con Florentia dimostrando di non essere una
squadra allo sbando, ma piuttosto di essersi scontrata con una Pesaro Rugby
che ha raggiunto una maturità tale da sapersi prendere tutto quello che gli
80 minuti le mettono a disposizione”.
In classifica I Medicei, vincendo con bonus offensivo, hanno rosicchiato un
punto in classifica a Pesaro accorciando a 4 punti il ritardo dalla vetta.
Classifica però parziale, visto che sabato a Bologna la Paspa capolista
proverà ad allungare il margine recuperando il match precedentemente
rinviato con la squadra emiliano-romagnola. Bologna ha dimostrato a lungo
di essere avversario tosto e nelle ultime domeniche un avversario
abbastanza indecifrabile: “Non sappiamo se troveremo il Bologna che ha
subito 40 punti dal Modena penultimo in classifica o quello che la
domenica prima ne ha rifilati 43 a un Civitavecchia in salute – conclude il
presidente – Sappiamo però che se giochiamo con questa concentrazione
diventa durissima per chiunque pensare di fermarci”.

Condividi:

Rispondi