Barbieri e parrucchieri hanno un patrono mondiale che vale un Perù

Barbieri e parrucchieri hanno un patrono mondiale che vale un Perù

FANO – “Per chi non mi conosce, sono un artigiano acconciatore di Fano e vorrei raccontare una recente emozionante esperienza di incontro a Roma con il Papa Francesco, al secolo Jorge Mario Bergoglio. Cito il nome civile di questo pontefice proveniente dall’Argentina, perché proprio un santo dell’ America latina è stato il motivo propulsore del nostro esserci rivolti, grazie all’ intervento determinante della Confartigianato locale e nazionale, addirittura al capo della Chiesa.
Tutto è nato nel momento in cui è tornato alla nostra memoria colui che viene riconosciuto quale patrono dei barbieri e dei parrucchieri di tutto il mondo, il peruviano San Martino di Porres (Lima, 1579-1639).
Primo santo di colore della Chiesa Cattolica, frate Martino, chiamato anche “Martin della Carità”, è stato canonizzato da Papa Giovanni XXIII il 6 maggio 1962.
Appartenente al grande ordine dei Domenicani, religioso umile in vita e illustre nella storia della Chiesa, ha notoriamente svolto il lavoro di infermiere ed apprendista chirurgo, dunque un’ attività già vicinissima agli artigiani dediti alla cura della persona, ma occorre ricordare che, in gioventù, Martino è stato anche garzone di barbieria.
Sappiamo che il nostro protettore ha avuto una vita difficile fin dall’ infanzia e che il suo amore e la sua santità si sono sempre rivolti verso i poveri e gli infelici, tanto è vero che in Perù è anche considerato patrono della giustizia sociale.
Tutto questo ci fa sentire molto vicina questa figura di santo peruviano, patrono dei “peluqueros” (in castigliano, sta per “barbieri”), il quale deve essere conosciuto per queste sue caratteristiche anche al di fuori della categoria artigiana.
Sarebbero opportune, a tale proposito, tante altre iniziative (conferenze, immagini, cerimonie, rievocazioni, ecc.) nel mondo del lavoro, laico e religioso, per cui conto di potermi impegnare anche personalmente in futuro.
E tornando al viaggio a Roma di una delegazione di artigiani della categoria degli acconciatori e di sindacalisti della Confartigianato (e qui ringrazio in particolare Valeria Beccatti ed Andrea Giuliani che si sono prodigati per il buon risultato), tutto è andato come negli auspici. Siamo stati accolti in una grande udienza, insieme con altre rappresentanze e comitive, ma il Pontefice nel suo saluto ha anche ricordato la ragione della nostra presenza.
Ultima cosa, una curiosità: in questi giorni il Papa ha deciso di offrire a clochard e senza tetto non solo dei bagni e delle docce, ma anche un servizio di taglio di barba e capelli, che si farà di lunedì, giorno di chiusura dei barbieri, a partire da metà del mese corrente. Un bel gesto, anche questo, per onorare San Martino di Porres.
Che gli sia venuto in mente in occasione della nostra visita?”.

(Renzo Roscini)

Condividi:
  1. San Martin de Porres è un santo molto amato in Perù e il mondo, un esempio di umiltà e altruismo, saluto tutti barbieri e parrucchieri e che la vita di questo Vostro Santo patrono serva di ispirazione per la vostra opera.

    Rispondi

Rispondi