“Vigili esattori delle tasse”, Giunta comunale: “Affermazione lesiva”

“Vigili esattori delle tasse”, Giunta comunale:  “Affermazione lesiva”

FANO – In merito alle polemiche apparse in questi giorni sui quotidiani locali sul ruolo e la funzione della Polizia Municipale, la Giunta comunale ribadisce la sua più totale fiducia sull’operato di tutto il corpo di Polizia Municipale e la sua piena solidarietà ai singoli componenti per gli attacchi e le strumentalizzazioni ai quali sono stati ingiustamente sottoposti da parte di amministratori pubblici della minoranza.

La Giunta comunale respinge duramente le illazioni riguardanti un presunto bilancio gonfiato derivante dagli introiti delle sanzioni amministrative al Codice della strada, ritenendo, al contrario, che tale voce di bilancio sia inferiore alla cifre messe a bilancio da altre città limitrofe con la medesima vocazione turistica di Fano. Va inoltre tenuto presente che la previsione di tale cifra è comprensiva anche del frutto degli investimenti sulle nuove tecnologie di controllo delle assicurazioni auto.

Si ritiene, pertanto, lesiva dell’onore del corpo della Polizia municipale l’affermazione “vigili esattori delle tasse” che non corrisponde assolutamente al vero, in quanto la Polizia municipale di Fano, come tutte le Polizie locali, è quella più a diretto contatto con i cittadini e al servizio esclusivo della comunità con l’obbligo di far rispettare le regole che sono in vigore e di prestare aiuto in situazioni di emergenza.

Occorre tener presente, infatti, che proprio sulla base di tale compito assegnatogli, l’extrema ratio della sanzione amministrativa viene comminata molto spesso su segnalazione e diretta richiesta da parte di cittadini che invocano quale principio di coesistenza civile il rispetto delle regole da parte di tutti.

Invocare, come hanno fatto alcuni consiglieri comunali di minoranza “il buon senso” in certI casi e poi trovarsi, dall’altro, in situazioni di emergenza come è successo all’ambulanza a Gimarra che non è potuta transitare per il parcheggio selvaggio di bici e moto, rappresenta una assurdità e una illogicità, sostenibile solamente da chi non ha rispetto per il prossimo e la vita dei suoi concittadini.

La Giunta Comunale

Condividi:

Rispondi