UDC di Pesaro-Urbino sorpreso dai dati sui furti resi pubblici dal Prefetto

UDC di Pesaro-Urbino sorpreso dai dati sui furti resi pubblici dal Prefetto

PESARO – L’UDC di Pesaro-Urbino si sorprende enormemente dei dati e delle percentuali rese pubbliche dal Prefetto Visconti “Quello che balza agli occhi sono soprattutto i dati relativi ai furti nelle abitazioni (-23 per cento), alle rapine (-73,3 per cento) e alle estorsioni (-45 per cento) … Anche se Pesaro, Fano ed Urbino fanno tradizionalmente registrare un numero più alto di azioni delittuose, la percentuale di calo è pressoché identica nei centri abitati e in periferia”, che sono in netto contrasto con quanto avvenuto nei comuni dell’entroterra.
Isole felici come Montecopiolo di Villagrande, Pietrarubbia, Carpegna, Frontino, Piandimeleto Lunano, Ca’ Prazzino di Sassocorvaro, Sant’Angelo in Vado, Urbania, Mercatello sul Metauro, Borgo Pace, Fermignano, Acqualagna e Cagli dove si registravano furti di uova o di galline, hanno avuto una serie continua ed ininterrotta di furti a partire da aprile/maggio di quest’anno in abitazioni private, aziende agricole, esercizi commerciali, persino negli opifici industriali sia nei centri abitati e sia nelle case sparse. Attività criminale di fatto sospesasi solo nel periodo feriale, dapprima grazie anche a comitati di cittadini volenterosi, che preferivano perdere qualche ora di notte, piuttosto che rimanere indifesi, e successivamente grazie al fatto che probabilmente anche i ladri vanno in ferie, e ripresa da poco in almeno in due comuni, Frontino e Lunano, qui addirittura, i ladri sono entrati financo nel Palazzo Comunale.
Ci sorprende ancor di più il fatto che solo due mesi fa il Sindaco Ricci e l’onorevole Fabbri si fossero anche loro accorti di un’emergenza criminalità in piena espansione sia a Pesaro e sia a Fano, e di fatto che tale emergenza sia del tutto svanita proprio nei mesi estivi, i dati sembra si riferiscano al periodo dal 1 giugno al 31 agosto, grazie a cosa?, visto che gli organici delle Forze dell’Ordine se non diminuiti, aumentati non sono di certo nel predetto periodo?
Rimane ferma la nostra richiesta al Prefetto della Provincia di Pesaro ed Urbino per la convocazione di un Comitato Straordinario per la sicurezza e l’ordine pubblico, al fine di richiedere un ormai indispensabile ed indifferibile adeguamento degli uomini e dei mezzi delle Forze dell’Ordine per arginare più efficacemente l’azione della criminalità, dando comunque atto dell’instancabile opera che Carabinieri e Polizia presenti sul territorio stanno comunque fornendo nel limite degli organici a disposizione.

Segreteria Provinciale

Condividi:

Rispondi