Tariffe ADRIABUS, Boris Rapa: “i 5 Stelle, pur di comparire sulla stampa hanno raccontato una verità distorta”

Tariffe ADRIABUS, Boris Rapa: “i 5 Stelle, pur di comparire sulla stampa hanno raccontato una verità distorta”

Non è mia abitudine fare polemiche, specialmente se esse non risultino costruttive, così come non rientra nel mio comportamento lodarmi o farmi lodare per azioni che rientrano nella normale condotta del ruolo o degli incarichi che ricopro o che ho ricoperto, semplicemente non rientra nel mio stile.
Allo stesso modo però non ritengo corretto che qualcuno si appropri di meriti non suoi, o che approfitti di situazioni per una mera questione di immagine in mancanza di sostanza.
Sul comunicato apparso nella stampa locale, a firma del Movimento 5 stelle di Fano, si evince come se la questione della tariffa dei biglietti bus che collegano Metaurilia a Fano, fosse stata risolta con la Signora grazie alla loro…..”collaborazione” e “senza il sindaco che non batte ciglio”.
La verità è però completamente differente dal loro racconto e tutto inizia con una telefonata del Sindaco Massimo Seri nella quale mi segnala il problema relativo alle tariffe sulla tratta in questione e che costantemente ha voluto essere informato della situazione, e mi chiede, essendo il trasporto pubblico locale di competenza regionale, di interessarmi attivamente alla questione. Mi attivo immediatamente incontrando la Signora per capire la problematica, e poi in regione provvedo a segnalare la questione al dirigente, chiedendo tramite mail, delle risposte in riguardo. Stessa cosa che mi risulta abbia fatto la signora, anzi perseguendo anche altre strade come quella dell’Ombudsman delle Marche.
In data 5 Novembre 2015 ricevo dal dirigente la risposta relativa alle informazioni richieste che provvedo subito a girare alla Signora interessata.
Il plauso va certamente alla Signora che caparbiamente ha perseguito la verità, mi rammarico invece per la caduta di stile del Movimento 5 Stelle, che pur di comparire sulla stampa hanno raccontato una verità distorta, accusando il Sindaco di non essersi interessato mentre al contrario si è da subito attivato, parlando di una battaglia ( non certo la loro) di 6 mesi quando in meno di 2 mesi dal mio incontro con la Signora si è giunti alla conclusione e per finire accollandosi i meriti grazie alla loro “collaborazione”…. Questione di stile!!!

Condividi:

Rispondi