Stroncato traffico di eroina. Arresti a Pesaro

Stroncato traffico di eroina. Arresti a Pesaro

PESARO – La polizia di Pesaro ha bloccato un gruppo criminale la cui attività principale era lo spaccio di eroina. Una discreta quantità, se si considera che ogni mese le persone arrestate riuscivano a smerciare dai 500 gr. al chilo di stupefacente, generando un volume d’affari illecito che poteva variare dai 70 ai 100 mila euro al mese. L’operazione, denominata Sofia, è iniziata dalla Squadra Mobile pesarese nell’estate del 2015, quando gli agenti hanno cominciato a tenere sott’occhio alcune persone che spacciavano al Miralfiori di Pesaro, a Fano e nella zona di Montellabbate dove il gruppo aveva fissato la propria base operativa. In quell’occasione i poliziotti hanno identificato quattro tunisini, già noti alla giustizia. A capo dell’organizzazione c’era un 47enne di Tunisi, descritto dagli inquirenti come soggetto di indole violenta che grazie al suo curriculum criminale riusciva a incutere terrore e ottenere rispetto dai suoi compagni-complici. L’attività di spaccio è stata tenuta sotto controllo dalla polizia di Pesaro per molti mesi, in particolare a fine ottobre, quando uno del gruppo si è messo in proprio scegliendo come zona d’azione le basse Marche. Monitorati con attenzione anche tutti gli spostamenti del sodalizio criminale, nei quali è stato bloccato e tratto in arresto anche un 27enne italiano, mentre rientrava da un viaggio-rifornimento da Napoli a bordo di un’auto rubata. Nell’attività investigativa sono finiti anche gli assuntori dello stupefacente. La Questura ne ha segnalati circa una settantina di ogni età ed estrazione sociale.

® RIPRODUZIONE VIETATA

AokhBLxzTdLMOGWKS0_vsb4LNyVwfNbhlCIwqVgZ0AHi

Condividi:

Rispondi