Stazione di Fano. Minardi : “L’assistenza ai passeggieri con disabilita’ è ora una realtà”

Stazione di Fano. Minardi : “L’assistenza ai passeggieri con disabilita’ è ora una realtà”

“Il Servizio di accompagnamento, per la salita e la discesa dal treno nella stazione di Fano è finalmente una realtà”. Soddisfazione nelle parole del Vice Presidente del Consiglio regionale, Renato Claudio Minardi che, in una nota comunica che con effetto immediato è ora possibile, per le persone a ridotta mobilità che ne faranno preventiva richiesta telefonica, avere assistenza presso la stazione per salire e scendere dalle carrozze ferroviarie.
“Questo servizio, per il quale mi sono fortemente battuto – prosegue Minardi – è stato raggiunto grazie all’impegno comune, avviato con la Presidente della Commissione regionale per le Pari Opportunità tra uomo e donna, Meri Marziali e la componente della Commissione Alessia Di Girolamo, che ha portato a concretizzare l’incontro con il Servizio Trasporti della Regione e il dott. Stefano Morellina, Direttore della Rete territoriale ferroviaria Italiana per le Marche.
Soddisfatte del risultato Meri Marziali e Alessia Di Girolamo che hanno sottolineato come: “la Commissione da sempre intende il concetto di pari opportunità e di inclusione sociale strettamente legati e prettamente attinenti al proprio compito istituzionale. Questo servizio rappresenta, certamente, un’azione concreta che tutela il diritto alla mobilità delle persone diversamente abili.”
La richiesta, per coloro che vorranno avvalersi del servizio, dovrà essere inoltrata alla Sala Blu di Ancona, con un anticipo di 48 ore o chiamando il numero verde 8906060 o il 199303060.
“L’accessibilità e la fruibilità del servizio ferroviario per le persone diversamente abili – afferma Minardi – oltre ad esprimere un alto grado di civiltà sono in grado di garantire l’inclusione sociale e uguali opportunità a ogni cittadino.” Questo da oggi vale anche per la stazione di Fano che non è provvista di un carrello elevatore.

Condividi:
  1. Che cosa serve avere del personale che ti aiuta a salire e/o scendere dalle carrozze, quando la vera impossibilità è raggiungere il binario sulla banchina di attesa? Minardi faresti bene a ritornare alle poste italiane dove il lavoro ti attende e non scambiare la politica come il nuovo posto di lavoro…. dagli anni 80 fedelissimo D.C. la tua escalation politica: circoscrizione; comune, provincia e regione… ora fedelissimo al P.D. come una bandiera al vento… In merito al superamento delle barriere architettoniche “tuo cavallo di battaglia” per il quale ti sei battuto….. forse hai fatto poco rumore… perché ti metto al corrente che sono un paio di anni che al binario 4 (accessibile esclusivamente attraverso una lunga rampa di scale) c’è l’impianto dell’ascensore non funzionante!

    Rispondi

Rispondi