Statua dei Partigiani: invito l’Anpi ad una memoria condivisa

Statua dei Partigiani: invito l’Anpi ad una memoria condivisa

FANO Leggo con interesse che l’ANPI di Fano Sez. Leda Antinori “lancia la statua per i partigiani”. Si tratta di un concorso promosso dall’ANPI  intitolato “la dignità del partigiano e del suo gesto” che porterà alla realizzazione di una statua in bronzo.

L’iniziativa è sicuramente lodevole e degna di nota ma purtroppo, come troppo spesso accade, mostra i limiti che le sono congeniti. Vorrei ricordare ai signori dell’ANPI che oltre a riconoscere la “dignità del partigiano e del suo gesto” occorrerebbe commemorare anche la dignità di quegli italiani che hanno vissuto il dramma delle foibe e dell’esodo. Per questi italiani il 25 Aprile non ha significato la Liberazione ma la morte di tante persone amate e l’inizio dell’esodo per mano dei partigiani slavi.

La nuova statua promossa dall’ANPI potrebbe essere un gesto concreto per ricomporre le lacerazioni della storia e ricostruire attraverso un’opera d’arte una memoria condivisa: partigiani italiani che hanno combattuto e dato la vita per la loro Patria da una parte, infoibati italiani che hanno perso la propria vita e la propria Patria per la pulizia etnica delle truppe titine dall’altra.

Al sacrificio dei partigiani nostrani va indissolubilmente legato il sacrificio dei martiri italiani dell’Istria e della Dalmazia perché la lente deformata della storiografia di sinistra ha negato per troppi decenni la tragedia delle foibe ed i suoi responsabili.     

Oggi questa nuova statua potrebbe rappresentare un esempio di incomparabile valore per ricomporre la nostra memoria storica riconoscendo allo stesso tempo chi ha perso la propria vita in Italia per riconquistare la Patria e chi ha perso la propria vita in Istria e Dalmazia perdendo le proprie terre.  

Mi auguro che l’ANPI di Fano possa accogliere il mio invito e che presto si possa inaugurare una statua che rappresenti le due facce del 25 Aprile ed i due volti dei partigiani: quelli italiani che hanno dato la vita per l’Italia e quelli titini che hanno compiuto una vera e propria pulizia etnica di tanti innocenti italiani.   

 

Andrea Montalbini

Consigliere Comunale Fano Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale

Condividi:

Rispondi