Solidarietà della Confartigianato ai gestori dei bagni Arzilla e Gabbiani

Solidarietà della Confartigianato ai gestori dei bagni Arzilla e Gabbiani

FANO – Oasi Confartigianato Fano esprime la solidarietà dell’intera categoria nei confronti delle imprese balneari Bagni Arzilla di Marco Tanfani ed Angela Montalbini e Spiaggia dei Gabbiani di Walter Stafoggia. I gravissimi e vili episodi, accaduti nella serata dello scorso 25 Marzo, dimostrano come, a Fano, ci sia ormai una vera e propria emergenza vandalismo. Di qui la necessità di intensificare una coordinata azione di presidio del territorio ed in modo particolare delle spiagge in concessione che, soprattutto fuori stagione, risultano vulnerabili ed indifese.

I concessionari di spiaggia fanesi, prendendo atto della situazione, si impegnano, per quanto di loro competenza, ad intensificare la sorveglianza notturna delle spiagge, ad incrementare gli impianti di video sorveglianza e a segnalare ogni movimento sospetto alle Autorità di Pubblica Sicurezza.

E’ innegabile che l’apertura serale degli stabilimenti, integrata dalla sorveglianza nelle ore notturne, possa garantire, almeno nel periodo estivo, maggiori possibilità di presidio degli stabilimenti. Attualmente il Regolamento Comunale non prevede uno specifico orario di chiusura anche se alcuni Assessori e Funzionari Comunali, interpretando in modo non corretto il divieto di utilizzo dei lettini e delle sdraio dalle 22.00 in poi, peraltro voluto dalla categoria al fine di prevenire i danneggiamenti alle attrezzature, continuano ancora a sostenere che l’obbligo di chiusura degli stabilimenti decorre dalle ore 22.00. Pur sapendo che le cose non stanno esattamente così perché il Regolamento Demaniale non prevede un orario di chiusura, si continua a sostenere tale tesi impedendo, di fatto, il presidio degli stabilimenti utile a combattere e prevenire il vandalismo in spiaggia.

 

Fano, li 26 Marzo 2014

 

Oasi Confartigianato Fano

Condividi:
  1. forse sarebbe utile vietare l uso dei foconi in spiaggia, se succede qualcosa i pompieri costano cari

    Rispondi

Rispondi