Si ubriacano e litigano in auto davanti alla figlia di 5 anni

Si ubriacano e litigano in auto davanti alla figlia di 5 anni

Nel corso dell’ultimo fine settimana, personale della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. di Fano ha effettuato diversi controlli ad esercizi pubblici e luoghi di maggior aggregazione giovanile.
In particolare nelle zone della Sassonia, del Lido e la S.S. Adriatica sono stati effettuati mirati posti di controllo e verifiche tramite operatori in borghese ed in divisa.
Detta attività ha consentito l’identificazione di decine di minorenni e di giovani, fra cui numerosi extracomunitari, per un totale di 65 persone ed il controllo di 27 autoveicoli, oltre a portare al sequestro, in zona Lido, di alcune dosi di eroina, trovate in possesso di un 30enne fanese, che in quel momento in compagnia di alcuni minorenni. L’uomo, noto alle FF.OO. in quanto tossicodipendente, veniva segnalato alla Prefettura di Pesaro per l’uso personale di eroina.
Nel medesimo contesto gli agenti, sempre nella zona del lido, sorprendevano, all’una di notte circa, una coppia che litigava animosamente all’interno di un’autovettura. I due, un 36enne romano già conosciuto alle F.F.OO., che si trovava a villeggiare a Fano ed una rumena 26enne proveniente da Urbino, venivano alle mani per futili motivi, anche a causa del loro stato di ubriachezza.
I poliziotti intervenuti trovavano, seduta sui sedili posteriori del veicolo, la figlia di appena 5 anni della donna, visibilmente impaurita dalle urla dei due e dalla situazione che vedeva la madre alterata e ferita al naso, dal quale perdeva sangue. Considerata la situazione, gli Agenti richiedevano l’invio sul posto di personale del 118. Accompagnati presso il locale Pronto Soccorso, i due adulti venivano sottoposti alle cure mediche del caso, considerato che anche l’uomo presentava lividi al volto. Quindi, una volta tranquillizzata la bambina, i poliziotti, visto lo stato di alterazione nel quale versava la madre, decidevano di affidarla alla nonna materna, fra le cui braccia si addormentava.
La cittadina rumena e l’uomo venivano successivamente sanzionati per lo stato di ubriachezza molesta. La donna, inoltre, veniva segnalata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Ancona.
Sempre nel corso dei controlli in argomento, l’equipaggio di una volante del Commissariato, alle ore 4.00 della notte, identificava, all’interno di un bar sito lungo la Strada Statale, tre minorenni fanesi, ovvero due ragazze di 14 e 17 anni ed un 15enne, , che nella circostanza si trovavano in compagnia di a due adulti, un italiano e un rumeno, quest’ultimo noto alle FF.OO..
Considerate le circostanze di tempo e di luogo, i tre minorenni venivano accompagnati in Commissariato ed affidati ai genitori, i quali venivano sensibilizzati a mantenere un controllo più attento sui propri figli. E’ risultato, infatti, che i tre giovani, dopo aver tranquillizzato i propri parenti sul fatto che avrebbero passato la notte a casa di uno di loro, si erano invece recati insieme in zona Lido per poi raggiungere, tramite la pista ciclabile, la Strada Statale Adriatica. I genitori, appreso che gli agenti erano intervenuti proprio quando i due adulti stavano offrendo ai loro figli degli alcolici, consci dei pericoli cui avrebbero potuto andare incontro, li ringraziavano.

Condividi:

Rispondi