Referendum Marotta: Stefanelli lascia l’aula del Consiglio, non mi hanno fatto parlare

Referendum Marotta: Stefanelli lascia l’aula del Consiglio, non mi hanno fatto parlare

Dopo tanti anni in consiglio comunale, non mi era mai capitato che mi venisse negato il diritto di parola. Un episodio spiacevole, antipatico e molto grave, se si pensa che per un formalismo regolamentare del consiglio sia stato impedito di intervenire a un consigliere del gruppo misto in quanto non è capogruppo. Peccato che il gruppo misto non abbia il capogruppo. Ancora più grave il fatto che l’argomento in questione fosse il passaggio di una fetta del nostro comune presso un altro comune e che Sartini (F.I.- Comitato Marotta Unita) sia l’unico consigliere comunale in Italia che, eletto in un comune, fa gli “interessi” del comune vicino.  Il mio intervento, dopo la presentazione di un documento da parte del Sindaco, avrebbe evidenziato le preoccupazioni di un territorio che si vede costretto ad andarsene sotto il comune di Mondolfo, dopo un referendum consultivo in cui i cittadini di Fano hanno detto no con il 52% dei voti.  Grave anche, da parte dell’ufficio di presidenza tutto, non capire quando va usato il buon senso.  Nel merito, massimo sostegno all’azione del Sindaco per incontrare quanto prima il Presidente Spacca.  A questo proposito, invito il Sindaco a formalizzare una richiesta al Prefetto e a formare una delegazione che possa esporre tutte le criticità e tutte le tensioni che la vicenda Marotta Unita sta evidenziando.  Mi preoccupa il silenzio del Pd di Fano che, come sulla questione del biogas, non riesce nemmeno a contattare i propri rappresentanti in Regione. Sembra che sulle questioni importanti del nostro territorio il Pd non voglia prendere posizioni.

Luca Stefanelli
Consigliere comunale

Condividi:

Rispondi