Raccolta differenziata record a Mercatello

Raccolta differenziata record a Mercatello

MERCATELLO SUL METAURO (PU)– Con una percentuale dell’81,09%, Mercatello sul Metauro è il primo Comune della provincia di Pesaro e Urbino per raccolta differenziata dei rifiuti. Il dato, reso noto dalla Regione Marche, è stato accolto con soddisfazione dal sindaco Fernanda Sacchi. “Siamo molto contenti di questo risultato, in un Comune come il nostro che dal 2002 è bandiera arancione, una percentuale così alta dà slancio anche al turismo ambientale. Ringrazio tutti i cittadini – aggiunge – perchè è merito loro se abbiamo raggiunto questo traguardo. E ringrazio anche l’Ata e Marche Multiservizi per averci supportato in questo percorso. Con la sola raccolta differenziata non riuscivamo ad andare oltre il 35%, così abbiamo deciso di sperimentare il servizio porta a porta sui rifiuti indifferenziati, mantenendo per i restanti rifiuti la raccolta di prossimità nelle apposite piazzole. Ed è proprio grazie a questo progetto pilota sul porta a porta che la percentuale è salita così tanto facendoci guadagnare il primo posto”.

Il Comune di Mercatello è stato infatti il primo Comune ad aver intrapreso questo percorso, seguito ora da molte altre amministrazioni comunali. “Visto che uno dei parametri per il mantenimento della bandiera arancione è la percentuale di raccolta differenziata – ricorda Fernanda Sacchi – avevamo chiesto all’amministratore delegato di Marche Multiservizi Mauro Tiviroli e alla dirigente Giovanna Fraternale un aiuto per innalzare la nostra. E lui ci ha proposto questa sperimentazione: all’inizio non è stato semplice, poi grazie alla sensibilità dei cittadini siamo riusciti a portare avanti con successo il percorso”.

Il Comune di Mercatello è sensibile anche alle tematiche legate all’acqua. “Grazie ad un contributo concessoci dall’Ato, abbiamo acquistato una ‘casetta dell’acqua’ e tre erogatori che abbiamo collocato nelle scuole materna, primaria e secondaria di primo grado per sensibilizzare i bambini contro lo spreco di risorse e verso una maggiore attenzione all’ambiente”.

 

Condividi:

Rispondi