Quattro città unite da quattro archi: una mostra e un libro celebrano Augusto

Quattro città unite da quattro archi: una mostra e un libro celebrano Augusto

FANO – La mostra 4 città 4 archi si compone di 19 pannelli (3 di presentazione, 4 per ogni arco) ai quali altri tre sono stati aggiunti in occasione dell’esposizione a Fano. Oltre al doveroso pannello sulla vita di Augusto, gli altri due non potevano non riguardare due fondamentali interventi effettuati da Augusto nel territorio fanese e cioè la ristrutturazione della via Flaminia e la centuriazione della bassa valle del Metauro. Inoltre alcuni modelli di strutture arricchiranno l’esposizione.
4 CITTA’ UNITE DA 4 ARCHI

L’iniziativa dell’Associazione Il Ponte di Susa, che auspicava un qualificato collegamento culturale tra le Città di Susa, Aosta, Fano e Rimini, uniche città italiane che ancora oggi custodiscono un Arco dedicato a Cesare Ottaviano Augusto, è diventata realtà grazie alla motivata ed entusiastica collaborazione degli Enti coinvolti.
Il Comune di Susa ha accolto con vivo interesse l’idea, promuovendo la realizzazione del progetto presso le Amministrazioni Comunali delle altre tre Città interessate.
Da parte dell’Associazione Il Ponte si è avviato un interessante e proficuo scambio con le Asso-ciazioni ed Enti Culturali di Aosta, Fano e di Rimini, attraverso le quali è stato possibile realizzare un unico testo in grado di mettere contemporaneamente in evidenza l’eccellenza e la maestosità dei quattro Archi che, pur diversi tra loro, sono testimoni di un importante patrimonio storico legato al periodo romano che ha lasciato significative tracce sul proprio territorio.
Particolari ringraziamenti vanno rivolti per i preziosi apporti al professore Mauro Caniggia Nicolotti e al dottore Luca Poggianti, rispettivamente direttore e presidente del Centro Studi Jean Baptiste de Tillier di Aosta; al prof. Piergiorgio Budassi, presidente dell’Archeoclub di Fano e al prof. Luciano De Sanctis; al dottore Maurizio Biordi, direttore dei Musei Comunali di Rimini, che in sinergia con il presidente dell’Associazione Il Ponte di Susa, dottore Giovanni Quaglino, ideatore e coordinatore di questo progetto, hanno reso possibile un dialogo di grande interesse tra le quattro realtà storiche e geografiche coinvolte.
I pregevoli pannelli che ripropongono gli Archi e altri monumenti rappresentativi della Romanità delle quattro Città, vanno a costituire una Mostra unica nel suo genere e risultano essere, con il volume, un prezioso omaggio alla nostra storia classica, favorendone una maggior conoscenza in vista delle manifestazioni che caratterizzano il Bimillenario della morte di Augusto celebrato nel 2014 a livello nazionale.

I pannelli della mostra (e il libro che li raccoglie) ripercorrono le vicende e descrivono le forme di
quattro di questi monumenti, che riuniscono fra loro quattro diverse città d’Italia legate al nome di
Augusto, nell’anno in cui ricorre il bimillenario della morte dell’imperatore.

_copertina libro

Condividi:

Rispondi