Quando un sogno diventa realtà: Lorenzo in Messico con la Nazionale amputati

Quando un sogno diventa realtà: Lorenzo in Messico con la Nazionale amputati

FANO – “I sogni son desideri di felicità” cantava Cenerentola. E a volte si avverano, come nel caso di Lorenzo Marcantognini. Chi non ha sognato da bambino di indossare la maglia dell’Italia e disputare i Mondiali di calcio? Un desiderio cullato anche dal dodicenne fanese, nonostante una grave menomazione congenita ne abbia condizionato l’esistenza. Nato senza una tibia, il piccolo Lorenzo è stato infatti sottoposto all’età di quattro anni all’amputazione dell’arto sinistro. Questo non gli ha però tolto la voglia di giocare e di divertirsi, riuscendo con grande caparbietà a coronare il proprio sogno. Già da un po’ “Lollo” fa infatti parte della Nazionale italiana amputati, che da giovedì all’8 dicembre parteciperà con altre ventitré selezioni al Campionato del Mondo in Messico dopo il rodaggio al Torneo Internazionale di Varsavia (nella finalina per il 5°posto 8-1 al Belgio con gol di Lorenzo). Il movimento azzurro nel nostro paese è alimentato dalla passione del CSI, mentre a Fano il nostro milita nella Scuola Calcio Sant’Orso. Per lui l’esordio nella World Cup è previsto per domenica 30 novembre a Culiacan, dove l’Italia affronterà i padroni di casa per poi sfidare sempre nel girone eliminatorio pure Georgia e Polonia. Il prossimo traguardo potrebbero essere i Giochi Paralimpici di Tokio 2020, quando si ipotizza che venga inserita anche questa disciplina.

Condividi:

Rispondi