Province: Lavoratori e Sindacati incontrano i parlamentari Marchigiani

Province: Lavoratori e Sindacati incontrano i parlamentari Marchigiani

Grande partecipazione dei lavoratori delle Province marchigiane all’incontro, che si è svolto nella mattinata di oggi, tra le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil, i rappresentanti di categoria e le Rsu con i parlamentari marchigiani ai quali è stata illustrata la pesante situazione in cui si trovano questi enti.

Una situazione difficile, quella in cui versano oggi le Province. A partire dall’occupazione: sono infatti a rischio oltre mille lavoratori su un totale di 2278 dipendenti di cui 524 ad Ancona, 413 ad Ascoli Piceno, 228 a Fermo, 455 a Macerata e 628 a Pesaro. Dei 2278 dipendenti, il 50% verrà posto in mobilità senza la certezza di una nuova occupazione.

I sindacati, già nelle scorse settimane, hanno promosso varie iniziative per sollecitare Governo e Regione a risolvere la questione: ci sono stati presidi davanti alla sede della Regione Marche e anche l’occupazione delle Province. Il Governo però ha confermato i tagli della legge di stabilità senza attendere il completamento dell’iter attuativo della legge che prevede la mappatura delle funzioni provinciali non “fondamentali” – quelle “fondamentali” (pianificazione del territorio, servizi di trasporto, rete scolastica, edilizia scolastica, controllo dei fenomeni discriminatori in ambito occupazionale, pari opportunità, sviluppo strategico e di relazioni istituzionali) verranno conservate dalle province – e l’individuazione delle risorse umane da trasferire tra Comuni e Regione stessa. Il taglio delle risorse finanziarie agli enti locali costituisce un impedimento, di fatto, al trasferimento del personale provinciale presso gli enti subentranti.

Un contesto che apre scenari allarmanti e prelude una condizione di paralisi organizzativa delle Province ma anche per le Regioni chiamate a subentrare nella titolarità delle funzioni. Nell’ultimo tavolo con la Regione, è emersa la decisione di far fronte comune sull’esigenza di garantire la continuità dei servizi svolti dalle Province e assicurare la tutela dei livelli occupazionali.

I sindacati, intanto, attendono anche l’incontro già programmato per lunedì 19 gennaio per l’esame della bozza di proposta di legge regionale per il riordino complessivo delle funzioni, cosiddette “non fondamentali”.

I sindacati, infine, chiedono che venga dato seguito all’ordine del giorno approvato dal consiglio regionale il 27 dicembre scorso all’unanimità e si preveda un fondo nel bilancio regionale per accompagnare il trasferimento di funzioni e personale.

 

Condividi:

Rispondi