Profilglass, il Comitato Tutela Salute e Ambiente indica le tre categorie a rischio

Profilglass, il Comitato Tutela Salute e Ambiente indica le tre categorie a rischio

FANO – “Apprendiamo della proposta di costituire una commissione comunale d’inchiesta sulla situazione della Profilglass di Bellocchi.

Precisando che non è né compito né volontà del Comitato mettere in discussione tale proposta, ci permettiamo di indicare tre categorie di rischio insite in questo tipo di percorso, se lo stesso fosse l’unico che si intendesse percorrere :

1) marginalizzazione di fatto dei cittadini e dei comitati: le commissioni d’inchiesta sono un fatto istituzionale. La loro composizione deriva dalla volontà dei gruppi consiliari ed il rischio concreto, quasi sempre verificatosi in passato in analoghe circostanze, è quello di isolare ed “anestetizzare” le questioni in campo

2) nelle commissioni d’inchiesta regionale, sempre su casi riguardanti il territorio, quali le questioni Agroter, Cava di Carrara e questione biogas, mai le stesse sono riuscite, per loro stessa natura, ad individuare metodologie e proposte per risolvere i problemi, cosa che a noi massimamente interessa. Nei casi più favorevoli il dibattito, ma non le conclusioni, hanno permesso di individuare meglio alcune fattispecie di responsabilità lasciando irrisolte le questioni.

3) la commissione d’inchiesta avrebbe un ambito di visuale necessariamente riduttivo, limitando così l’attenzione ad un solo impianto e non agli impatti della zona industriale. Ci sembra un potenziale rischio piuttosto grave, visto il ruolo che Enti autonomi, quale Regione e Provincia, ed Enti strumentali, quali Asur ed Arpam, hanno avuto ed avranno nella gestione della questione.

Saremmo molto lieti se forze politiche presenti in Parlamento ed in Consiglio regionale volessero interpellare su questioni specifiche le autorità competenti. In tale eventualità il Comitato si dichiara fin d’ora disposto a collaborare.”

Comitato Tutela Salute e Ambiente – Fano

Comitatinrete – www.comitatinrete.it

Condividi:

Rispondi