Porto di Pesaro, Rotonda Bruscoli: persona priva di conoscenza sulla scogliera

Porto di Pesaro, Rotonda Bruscoli: persona priva di conoscenza sulla scogliera

PESARO – Alle ore 13:00 del 25 aprile la Sala Operativa della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Pesaro, riceveva, tramite l’omologa Sala Operativa del 118, segnalazione da parte di passante durante la sua passeggiata sul litorale, di una persona ritenuta in stato di incoscienza sui massi antistanti la cosiddetta “Rotonda Bruscoli”. Sul posto intervenivano prontamente, una pattuglia della Guardia Costiera, una volante della Polizia di Stato, mezzo dei Vigili Fuoco con a seguito i specialisti del Nucleo SAP, ed un’autombulanza inviata tramite il 118. Dopo un’attività di ricerca il personale della Capitaneria, su provvidenziale indicazione di ulteriori passanti sentiti, riscontrava una donna vestita in abiti sportivi e copricapo accovacciata presso la seconda fila di massi prospicienti il retro del ristorante “Rotonda Bruscoli” a sua detta intenta a riposare approfittando del clima favorevole della giornata. La stessa veniva invitata dal personale della Guardia Costiera a salire sulla parte praticabile della zona per eventualmente sostare sul camminamento dove appositamente sono collocate diverse panchine.

Il Comandante della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera nel ringraziare le Polizia di Stato, i Vigili del Fuoco ed il personale sanitario con la grande prontezza operativa e la puntuale ed utilissima collaborazione, torna ancora una volta a raccomandare, nonostante “lo scampato pericolo” a tutti coloro che si recano nella zona portuale, notoriamente annessa al tessuto urbano, di rispettare le regolamentazioni sul porto riportate nel sito istituzionale www.guardiacostiera.it nella parte dei Comandi Territoriali, tra cui Pesaro, dove è chiaramente imposto il divieto di praticare il ciglio delle banchine, le massicciate, le parti sommitali di muri parandonde, dighe e similari strutture, adottando sempre quel comportamento prudente e quell’opportuna attenzione necessari per utilizzare sicurezza gli spazi accessibili degli scali ed in particolare quello Pesarese.

Condividi:

Rispondi