Ponte girevole al Lido, raccolta firme della Lega

Ponte girevole al Lido, raccolta firme della Lega

FANO – Quando hanno spento il “Nautofono” – che tutti i Fanesi conoscevano per il suono ma pochissimi – penso – sapessero che si chiamava così, dove era e come era fatto – io tra questi, c’è stata una bella campagna stampa. Per qualcuno lo spegnimento dell’utile ma ormai obsoleto strumento per la sicurezza della navigazione, significava spegnere un “simbolo di fanesitudine”! E va benissimo. Non mi pare altrettanta tensione vi sia stata quando la morente giunta Aguzzi, come uno dei suoi ultimi suoi atti, – ha privato la città di un vero e proprio “simbolo”, il “ponte girevole”, questo sì noto e conosciuto da tutti !
Eppure quel “ponte magico”, che “girava” è tra i miei piu bei ricordi d’infanzia..e, sono certo, di moltissimi altri fanesi di una certa età… Era unico, magico, il solo che avessi visto. Perchè non si può lasciarlo a svolgere ancora la sua funzione, fisso, vicino la “nuova passerella” ? Non costa quasi nulla e salveremo un simbolo, un trait d’union tra la “Fano del passato e quella del futuro” Per capire se questa idea può piacere, da mercoledi iniziamo a raccogliere firme per impegnare la futura amministrazione a ricollocarlo in prossimità del luogo in cui è stato per lustri. Chi vorrà dare una mano ben venga. Se molti fanesi saranno d’accordo con questa idea – che non ha nulla a che vedere con la politica o le prossime “comunali” ma solo con la salvaguardia di un simbolo di identità della città – sono certo che la nuova giunta non potrà non tenerne conto. Se qualche grafico – a gratis – ci vuol dare una mano e creare un “logo” adeguato per questa battaglia, si metta in contatto. Il tempo stringe. Luca Paolini

Condividi:
  1. Il ponte fisso, nei giorni di alta marea non permette alle barche di rientrare ai rispettivi posteggi lungo il canale, posteggi regolarmente pagati. Se fosse ancora girevole e in funzione nessun problema, ma allo stato attuale intralcia il rientro pertanto sono favorevole alla definitiva eliminazione.

    Rispondi
  2. Sinceramente l’ho sempre ritenuto brutto. Qualcuno potrebbe anche vederlo come un simbolo di Fano ma dubito che molti firmeranno una “battaglia” per tenerlo accanto a quello nuovo. Legarsi sentimentalmente a quel ponte mi sembra esagerato. Personalmente non vedo l’ora di vedere quello nuovo.

    Rispondi
  3. se proprio dobbiamo 22 aprile 2014, 13:04

    installarlo vicino al nuovo ponte non mi sembra una bella cosa, primo perchè risulterebbe superfluo e in secondo luogo perchè rovinerebbe la vista del nuovo ponte (che almeno sulla carta sembrerebbe avere un bel design).
    ma se invece di buttarlo via l’amministrazione riuscisse a riciclarlo potrebbe essere utile, magari in fondo al camminamento del porto prima del ponte della ferrovia, o ai passeggi per attraversare il canale albani, adesso non mi viene in mente nient’altro ma potete provare a proporre delle alternative…

    Rispondi
  4. Mi ha sempre fatto paura passarci sopra… Soprattutto quando quando era pieno di gente. Per piacere… Trovate battaglie più utili!

    Rispondi
  5. Be la mia infanzia a visto quel ponte girare più volte e devo dire che mi piaceva ma ormai se lo devono togliere di mezzo penso che sia per lo stato del ponte vecchio e non più a norma per il passaggio dei pedoni quindi ben venga il nuovo ponte.

    Rispondi
  6. ma non hai qualcosa di più importante da pensare?

    Rispondi
  7. Certo che in un momento come questo, usare la politica per far queste “battaglie”, fa’ capire il perché in Italia ci siamo ridotti così!!! La prossima iniziativa quale sarà?? Riproporre il Luna Park di fronte al Pesce Azzurro, perché da ragazzo andava sugli autoscontri?? Avrei potuto capire se avessero tolto la fontana in piazza o la statua al Pincio, ma questa…….

    Rispondi
  8. Se invece di ascoltare la nostalgia, si passasse sotto il ponte con un gommone si potrà notare come sotto le travi di acciaio siano quasi completamente mangiate dalla ruggine, forse il candidato Sindaco Paolini dovrebbe rivolgere le sue energie a problemi maggiormente stringenti ed importanti per i cittadini…….

    Rispondi
  9. Sono d’accordo con il suggerimento di utilizzarlo ai passeggi, magari con targa ricordo del suo passato

    Rispondi
  10. Va bene la nostalgia, ma è evidente che il sig. Paolini non si sia mai trovato in estate a passeggiare sul lungomare per il quale il ponte in questione rappresenti un vero e proprio collo di bottiglia nei momenti di maggiore traffico. Chiacchere inutili.

    Rispondi

Rispondi