Pista di ghiaccio e nuovi allestimenti. «Pesaro nel cuore», Ricci accende il Natale

Pista di ghiaccio e nuovi allestimenti. «Pesaro nel cuore», Ricci accende il Natale

PESARO – Nel segno del ghiaccio («Pesaro nel cuore, Christmas very…(n)ice»), il sindaco con delega al marketing estende il restyling d’immagine della città al mood natalizio. Così, dopo una settimana di post su facebook con aggiornamenti sui lavori in corso, al di là dei giochi di parole universali, nell’asse con il Mengaroni Matteo Ricci svela il senso del claim: «Il progetto evidenzia la valenza del city brand», nota con Daniele Vimini e Antonello Delle Noci, rivolgendosi agli studenti-curatori degli allestimenti. «Per promuovere la città i pesaresi devono diventare protagonisti della comunicazione. Lo avete fatto: la vostra creatività è un contributo alla strategia economica. Perché sono convinto che con questa piazza daremo una bella mano ai commercianti del centro». Oltre al postulato ripetuto («una città che non comunica non esiste»), la sponda ricercata è con la manifestazione-traino concomitante: «Candele a Candelara è l’evento che porta più turisti. I tempi non sono un caso. Dovevamo presentarci al meglio, altrimenti sarebbe stata una contraddizione in termini». Il biglietto da visita, allora, «è interamente ‘made in Pesaro’, con la firma del Mengaroni. Non è nato dentro uno studio grafico». Con l’esordio della pista di ghiaccio circolare intorno alla fontana («sarà un grande parco giochi per bambini e ragazzi») muta, in parallelo, la disposizione dei mercatini, ampliati lungo via Pedrotti, via San Francesco, piazzale Collenuccio e corso XI Settembre. Resta la spinta sulla vivacità: «Insisteremo – prosegue il sindaco –. Una città più vivace è anche più tranquilla. Lunedì ripartirà ufficialmente l’ex 108 in via Sabbatini (nuova gestione). Assegnato anche il locale al Mercato delle Erbe per i weekend: riaprirà durante le feste». La linea che lega musica, cultura, moltiplicazione delle opportunità di incontro, «è, tra l’altro, una risposta culturale dopo i fatti di Parigi. Non significa fare casino. Ma mai come ora dobbiamo vivacizzare la città. Se non vogliono farci suonare, suoneremo ancora più forte. Ci incontreremo ancora di più nei teatri». Coerenza, secondo il sindaco è in primis rendere più attrattivo il centro storico. «Non solo a Natale: per questo, nel 2016, stanzieremo un milione e mezzo per gli investimenti». «Siamo orgogliosi del dialogo con il territorio», rileva la dirigente del Mengaroni Serena Perugini. Con lei la docente Lavinia Palazzo: «E’ stata sacrificata per un po’ la didattica, ma in compenso abbiamo lavorato come un’officina». Altra sponda da Pesaro Parcheggi. «Grazie ai ragazzi che già collaborano con noi per la fiera di San Nicola», commentano Riccardo Pascucci e Giorgio Montanari. L’inaugurazione domani, sabato 28 dicembre, con spettacolo di luci, cascate di neve, filodiffusione, apertura della pista (giornata con ingresso gratuito per i bambini alti fino a un metro e 20 centimetri). E accensione dell’albero, «il più illuminato d’Italia con meno consumo». Il programma completo delle iniziative, dal 28 novembre al 6 gennaio, sul sito del Comune e sulla pagina facebook ‘Pesaro nel cuore’.

Condividi:

Rispondi