Pesaro: più sicurezza in ospedale

Pesaro: più sicurezza in ospedale

Pesaro- Si è riunito nella mattinata odierna il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto, Dr. Luigi Pizzi, ed al quale hanno partecipato il Questore, Dr. Antonio Lauriola, il Comandante provinciale Carabinieri, Ten. Col. Marco Filoni, il Comandante provinciale Guardia di Finanza, Col. Antonino Raimondo, il Comandante della Polizia Provinciale Dr. Daniele Gattoni, in rappresentanza del Presidente della Provincia, l’Assessore alla Sicurezza del Comune di Pesaro,  Dr. Luca Bartolucci, il Comandante della Polizia Locale di Pesaro, Dr. Avv. Gianni Galdenzi, il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera “Marche Nord”, Dott.ssa Maria Capalbo, il Dirigente Medico Responsabile  del Pronto Soccorso dell’Ospedale “San Salvatore” di Pesaro, Dr. Stefano Loffreda  ed il Dr. Filippo  Mezzolani dell’Asur,  Area Vasta n. 1.

Nel corso della riunione si è proceduto ad un approfondito esame congiunto della situazione della sicurezza interna ed esterna del locale nosocomio per l’individuazione delle possibili, conseguenti iniziative da assumere, anche in relazione all’episodio di aggressione avvenuto il 7 aprile scorso all’interno del Pronto Soccorso dell’ Ospedale San Salvatore,  che ha suscitato molto clamore mediatico ed in relazione al quale sia i Sindacati delle Professioni Infermieristiche di Pesaro e Urbino sia la stessa Direzione Generale dell’azienda Ospedaliera aveva chiesto di istituire un presidio fisso di polizia all’interno di quella struttura sanitaria.

In tale sede è emerso innanzi tutto che i posti di polizia presso gli ospedali non hanno la funzione di tutelare l’incolumità delle persone o di garantire l’integrità delle strutture ospedaliere, ma essenzialmente quella di svolgere attività di polizia giudiziaria, ai fini della ricezione dei referti eventualmente emessi dai sanitari, anche se la loro presenza costituisce comunque un deterrente nei riguardi dell’eventuale commissione di reati.

A tale ultimo riguardo è altresì emerso che la carenza di personale esistente presso gli uffici della Polizia di Stato della Provincia e la contemporanea esigenza di garantire altre prioritarie ed inderogabili esigenze istituzionali non consentono, al momento, di provvedere all’istituzione di tale posto di polizia.

Si è comunque stabilito di procedere ad un’ulteriore intensificazione dei servizi di vigilanza e di controllo del territorio che vengono già effettuati nell’area ove è presente il Pronto Soccorso del locale Ospedale “San Salvatore”, che, come è noto, comprende altri obiettivi sensibili, quali la stazione ferroviaria e  la zona di Via dell’Acquedotto.

In sede di Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica si è altresì preso atto delle iniziative adottate o in corso di adozione da parte della Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera “Marche Nord”, consistenti nella previsione della istituzione, a decorrere dalla prossima settimana, di un servizio di vigilanza fissa all’interno del Pronto Soccorso Ospedaliero da attuarsi nelle ore notturne e presumibilmente nella fascia oraria che va dalle ore 22,00 alle ore 6,00 del mattino ad opera di guardie particolari giurate.

E’ emerso poi che la stessa Direzione Generale ha già provveduto ad adottare misure organizzative interne volte al rafforzamento delle presenze di personale infermieristico all’interno dello stesso Pronto Soccorso.

E’ stata inoltre, di comune intesa, stabilita l’attivazione di sistemi di collegamento in teleallarme tra i locali del medesimo Pronto Soccorso ospedaliero e le sale operative delle Forze di Polizia.

Tutti i presenti hanno comunque dato atto della particolare efficacia dei servizi di vigilanza e di pronto intervento già attuati dalle Forze di Polizia la cui efficienza e rapidità hanno trovato evidente dimostrazione proprio in occasione dell’episodio di aggressione con l’utilizzo di un’arma bianca verificatosi il 7 aprile 2017.

Si è infine concordato che tra la Direzione Sanitaria del locale nosocomio e la locale Questura verranno mantenuti costanti contatti al fine di verificare l’eventuale adozione di ulteriori misure, pur dovendosi ritenere che quelle in atto e quelle che saranno realizzate a breve, sono tali da garantire una efficace tutela degli operatori e la prevenzione di pericoli per la sicurezza anche dei cittadini che affluiscono al Pronto Soccorso ed agli altri reparti dell’Ospedale San Salvatore.

Nella medesima riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica si è proceduto altresì ad un ulteriore esame delle misure di vigilanza e di prevenzione in atto per assicurare la rigorosa attuazione delle norme contenute nel Regolamento di Polizia Urbana, recentemente approvato dal Consiglio Comunale di Pesaro che vietano l’attività di accattonaggio e di quelle legislative volte a contrastare il fenomeno del commercio ambulante abusivo e dei prodotti contraffatti.

A tale riguardo, ed in relazione anche a recenti episodi riferiti dalla stampa locale circa comportamenti aggressivi o quantomeno molesti posti in essere dai c.d. “parcheggiatori abusivi”, specie in determinate aree del centro urbano, quale P.le Carducci e la zona antistante l’Ospedale, si è stabilita l’attivazione di servizi straordinari di controllo da parte della locale Questura e con il concorso della Polizia municipale, volti a prevenire tali condotte da parte di cittadini extracomunitari che sostano abitualmente nelle aree anzidette e a verificare  anche la regolarità della loro permanenza sul territorio nazionale.

Condividi:

Rispondi