Pergola: niente Tasi a commercianti, imprese e agricoltori

Pergola: niente Tasi a commercianti, imprese e agricoltori

PERGOLA – Pergola si candida ancora ad avere la tassazione più bassa tra i Comuni marchigiani con più di 5mila abitanti. A Pergola, per ferma scelta del sindaco Francesco Baldelli, commercianti, artigiani, agricoltori e imprenditori, già gravemente colpiti dalla tassazione del governo e dalla crisi, non pagheranno la Tasi, così come non la pagheranno le seconde case. Inoltre, importante aumento dei fondi per i più deboli; dal 2009, anno della prima elezione del sindaco Baldelli, le risorse per i servizi sociali sono aumentate di ben 167mila euro.

Queste alcune delle positive notizie che emergono per i pergolesi dal bilancio di previsione che domani giungerà in consiglio. Il Sindaco di Pergola, insieme alla giunta e ai consiglieri, snocciola tutti i risultati raggiunti con la sua programmazione economica ma fa cenno anche ai gravissimi tagli operati dal governo: “Approvato il bilancio con un mese d’anticipo rispetto alla scadenza di legge e nonostante i tagli del governo, 527mila euro solo quest’anno, che si aggiungono a quelli del triennio scorso pari a 1.108.593 euro.

Con determinazione e con il lavoro di squadra, siamo riusciti a varare un bilancio senza aumentare tasse, lasciando invariate le tariffe e mantenendo tutti i servizi”. A Pergola, contrariamente a quanto avviene altrove, nessuna tassa di scopo colpirà i cittadini, nessuna tassa di soggiorno peserà su strutture ricettive e turisti. La Tasi, introdotta dal governo, sarà applicata, come detto, solo alle prime case e sarà fissata al 2.2%, quando era possibile applicarla fino al 2.5%”. Prosegue Baldelli: “Abbiamo evitato nuove tasse ai pergolesi per ulteriori 128.914 euro, se avessimo dovuto coprire con nuovi balzelli i tagli di Renzi”.

Altro capitolo la nuova Tari: “Anche sui rifiuti i pergolesi pagheranno il 10.32% in meno rispetto al 2013, con un risparmio medio di 36,50 euro ad utente. Ciò grazie alla ricontrattazione con Aset del contratto capestro ereditato dal passato. Nei prossimi mesi la raccolta differenziata”. Altro risultato: “Mantenuti tutti i servizi e invariate le relative tariffe. Centro Margherita, apertura pomeridiana delle scuole, asilo nido, trasporto e mensa scolastica proseguiranno senza riduzioni, al contrario di quanto accade altrove”.

Positivo il bilancio dei lavori pubblici. “Previsti e interamente finanziati ben 1.601.743 euro di lavori, tra quelli già deliberati e quelli nuovi del Piano 2014 delle opere pubbliche”.

Uno sguardo infine al debito lasciato nel 2009 dalla giunta Borri che “passerà, a fine 2014, dai 7.789.308 euro, ereditati dal passato, a circa 5milioni”.

 

Condividi:
  1. Ottimo lavoro… proporrei Baldelli al posto del pupazzo fanfarone che occupa attualmente Palazzo Chigi…

    Rispondi

Rispondi