Paolini (Lega Nord): “In Comune va in scena il gioco delle tre scimmiette”

Paolini (Lega Nord): “In Comune va in scena il gioco delle tre scimmiette”

FANO – “Quanto accaduto in consiglio comunale a Fano ha del surreale. Ricorda il gioco delle tre scimmiette che non vedono, sanno e sentono. Si parla di debiti fuori bilancio, guarda caso spese legali per 62.161.,95 euro per cause perse che, sembra di capire, sono risultate un pochino “azzardate”. La prima cosa da dire è che, trattandosi di cause concluse, è certo – dati i tempi della giustizia italiana – che si tratta di cause iniziate durante l’Era Aguzzi e quindi volute e/o gestite dal “suo” staff legale, quello su cui ho cercato, per anni, di chiedere trasparenza, trovando un muro di gomma.

Le spese oggi venute in consiglio non sono certo le sole e le prime su cui sarebbe interessante fare luce. Ricordo i quasi 300.000 euro pagati dal Comune, nel 2011, per una caduta in una buca, che finirono sul groppone dei fanesi perché il Comune non solo non si costituì in giudizio ma neppure chiamò tempestivamente in causa l’assicurazione profumatamente pagata.
Chiesi, in ogni modo, anche come deputato, lumi su quella vicenda e mi venne opposto un no.

Volevo anche sapere quanto avevamo speso, dal 2004 al 2012 per l’ufficio legale e per i 3 professionisti “convenzionati, volevo sapere quante fossero le cause vinte e quelle perse. ….zero risposte. Nonostante fossi anche deputato secondo il Comune di Fano, non avevo diritto a conoscere dati che altri comuni mettono on line!! Cercai sponda nella prefettura, nelle opposizioni, segnalai la cosa perfino in Commissione Antimafia. Nessun esito.

Ricordo che, allora, il PD – e segnatamente Minardi se la memoria non mi inganna – urlò, minacciò esposti alla corte dei conti ma poi, a quanto mi risulta – non fece nulla. Il solito “chiacchiere e distintivo”

Oggi, che sono loro al comando…uno si aspetterebbe un cambio di rotta. Nein ! La musica è la stessa. Il Sindaco – relatore in quanto responsabile dell’ufficio legale, non c’era e quando si trova non sa nulla. (ma se non lo sa il relatore…chi lo deve sapere? l’usciere? ) Il Presidente del Consiglio – che pure ha fatto l’ordine del giorno, cade dalle nubi come Zalone; idem l’intera maggioranza piddina. Alla fine, al solito, i fanesi pagano e non sanno neppure esattamente perché, per cosa e/o per colpa di chi”.

Condividi:

Rispondi