Ospedali Riuniti Marche Nord, la Direzione Aziendale: “Sempre collaborato con Finanza e Procura”

Ospedali Riuniti Marche Nord, la Direzione Aziendale: “Sempre collaborato con Finanza e Procura”

Relativamente alle notizie apparse sulla stampa negli ultimi giorni, è doveroso rappresentare quanto segue.
La Direzione dell’Azienda “Marche Nord” ha sempre collaborato con la Guardia di Finanza e la Procura della Repubblica in merito alle indagini, fornendo supporti per agevolarne le analisi all’attività svolta dai propri professionisti ed ha perfezionato, negli ultimi anni, strumenti di controllo al fine di rendere più trasparente e tracciabile il sistema e l’attività effettuata in tutte le sue forme.
Fin dalla costituzione dell’Azienda Ospedaliera “Marche Nord”, sono state intraprese azioni proattive avviando controlli sull’attività di libera professione intramuraria e sul non completo assolvimento del debito orario, adottando i seguenti provvedimenti: l’emanazione di circolari sull’orario di lavoro, l’avvio di procedimenti disciplinari, la decurtazione dello stipendio corrispondente alle ore non lavorate e, quando dovuto, è seguita la segnalazione alla Procura.
In particolare sono stati effettuati controlli sui cartellini marcatempo di numerosi professionisti, anche in riferimento alla congruenza delle fasce orarie autorizzate per l’attività libero professionale e l’attività di fatto espletata. A tal fine, per rendere più chiaro il percorso autorizzativo e di controllo e per dare uniformità alla gestione dell’attività nei due Presidi afferenti l’Azienda, sono state adottate le determine del Direttore Generale n.579 del 2012, con la quale è stata costituita una unica Commissione Paritetica, con funzioni di controllo sull’esercizio della libera professione intramuraria, e la n.553 del 2013, che ha ridefinito il quadro di responsabilità e lo schema di processo definendo l’istruzione operativa aziendale per i controlli dell’attività libero professionale.
L’immagine che emerge non coinvolge tutti i professionisti dell’Azienda, ma ne riguarda un limitato numero che si distingue dalla quasi totalità degli stessi che viceversa opera quotidianamente con dedizione e spirito di sacrificio.
Si precisa infine che alcuni rilievi riportati sulla stampa non riguardano l’Azienda “Marche Nord”, quali “la sparizione di 60mila euro dalle casse” e di “stupefacenti nella cassaforte”.

Condividi:

Rispondi