Ortopedia a Fano: lavoriamo in tandem

Ortopedia a Fano: lavoriamo in tandem

“Abbiamo ricoverato anche questa mattina e nessuno è stato inviato a Senigallia o Urbino”. Giovanni Del Prete, primario dell’Ortopedia di Pesaro e Fano, chiarisce: “Il reparto di Pesaro e quello di Fano lavorano in tandem:  i trasferimenti da una struttura all’altra sono governati dall’interno, con il supporto delle Direzioni mediche,  e avvengono in totale sicurezza. Solo questo fine settimana abbiamo avuto diversi traumi che hanno richiesto il ricovero. Nonostante questo non si è verificata nessuna emergenza e nessun paziente è stato inviato in altre strutture ospedaliere. La nostra politica è chiara: noi garantiamo sempre e comunque, quando necessario, il ricovero e il trattamento per una presa in carico globale del paziente. Inoltre una precisazione: vorrei ricordare che le equipe di Ortopedia del San Salvatore e Santa Croce hanno cominciato ad effettuare interventi su entrambi i presidi e il personale infermieristico è già integrato in un pool unitario”.

Condividi:
  1. Voi garantite solo lo scomodo, il disagio e le arrabbiature delle persone che sono ricoverate e dei loro parenti…. Niente da dire contro i medici e il personale ma una città come Fano non può non avere un ospedale… Pensate a tutte le persone di Fano che lavorano e hanno un parente in ospedale ma vi rendete conto cosa vuol dire dover andare a Pesaro due o tre volte al giorno? ….e in estate con la Statale intasata dalle persone che sono al mare? Chiudere un ospedale con reparti nuovi di pacca in una città che conta più di 60.000 persone con la prospettiva di costruirne un altro a metà strada per cui non ci sono neppure i soldi per me è inconcepibile!!
    E in quanto a garanzie per il ricovero e presa in carico globale del paziente una nostra parente doveva rimanere li almeno una settimana ci era stato detto ed è tornata dopo neanche 3 giorni con tutti i disagi che si trovano poi in una casa! Chissà perché…. magari mancanza di posti letto?

    Rispondi

Rispondi