Opposizione: “Smascherata una finta amicizia con l’Ente Carnevalesca”

Opposizione: “Smascherata una finta amicizia con l’Ente Carnevalesca”
FANO – “Finalmente la maggioranza di questa giunta Seri ha calato la maschera con le parole chiarissime della consigliera Luzi che si è espressa contro il Carnevale e la Fano dei Cesari.
L’avevamo detto che sono manifestazioni che non si sentono loro, tanto da ritirarle dal programma a promozione avviata quando, il carnevale estivo ad esempio, sarebbe servito non solo come accoglienza ma anche come promozione di quello invernale.
In questi giorni Sindaco e Giunta stanno mascherando una finta amicizia con la carnevalesca mentre invece è in atto un piano di autodistruzione delle feste fanesi più popolari che rappresenta un chiaro progetto politico di questa maggioranza e le parole della consigliera Luzi lo confermano.
Prediligono e impongono al popolo la cultura per pochi fingendo una confronto che non hanno mai avuto con nessuno.
Si sta per chiudere il Luglio meteorologicamente più caldo degli ultimi cento anni ma più freddo, buio e triste della storia di Fano per quanto riguarda gli eventi e le manifestazioni.
A chiudere la giornata di ieri ci ha pensato poi il ridicolo incontro tra il segretario dei giovani di Seri (tempestato di critiche in queste ore dai suoi coetanei) e Seri stesso per la questione della musica nei locali.
Noi non chiederemo alcun incontro al Sindaco ma invitiamo gli esercenti che l’hanno esposto a strappare il cartello VIETATO BALLARE, affisso dopo richiesta dei vigili inviati dentro i locali da questa amministrazione.
Non fa parte di alcuna prescrizione normativa il divieto di ballare. Gli articoli 68, 69 e 80 del Testo Unico sulle Leggi di Pubblica Sicurezza, che normano le attività di spettacolo e trattenimento anche in pubblici esercizi, non dispongono alcun divieto agli avventori e fruitori dei locali bensì solo disposizioni inerenti il pubblico spettacolo e solo ai gestori dei locali che, se vogliono avere una pista da ballo, oltre al locale di intrattenimento musicale, debbono fare specifica richiesta per la licenza di agibilità.
Pertanto in qualsiasi locale di intrattenimento, il 99% dei locali a Fano, non si può vietare di ballare ad alcun fruitore, se questo si sente di farlo, anche se si trova in un locale autorizzato solo per l’intrattenimento musicale.
Abbiamo smascherato più volte questa giunta, che si assumano la responsabilità delle loro assurde scelte politiche o chiedano scusa alla città”.

I consiglieri comunali

Alberto Santorelli (Progetto Fano)
Aramis Garbatini  (Progetto Fano)
Stefano Aguzzi  (La Tua Fano)
Davide Del Vecchio (Udc)
Marina Cucuzza  (Forza Italia)
Condividi:

Rispondi