Non si ferma sulle strisce, auto investe passeggino con dentro il figlio dell’assessore Santorelli

Non si ferma sulle strisce, auto investe passeggino con dentro il figlio dell’assessore Santorelli

FANO – Attimi di paura questa mattina intorno alle 11.30 in via Roma. Un’auto, guidata da un uomo sulla sessantina (e non un giovane come si era appreso in un primo momento) di Pesaro ha investito un passeggino su cui c’era un bimbo di 14 mesi. Il piccolo per fortuna sta bene e questa sera lascerà l’ospedale di Fano dove è stato trasportato in osservazione. A raccontare l’episodio è il papà, Alberto Santorelli, assessore uscente del comune di Fano che poco prima si trovava a poche centinaia di metri dal luogo dell’incidente e che per poco non ha assistito alla scena. “Ero al telefono con un mio amico – ci racconta – e mi stava dicendo di aver visto mia moglie Giulia correre all’impazzata verso via Roma. Mentre mi stava dicendo queste cose, ed ero bloccato nel traffico, una pattuglia dei vigili mi sorpassa a sirene accese. Ho capito subito che era successo qualcosa, anche se non capivo esattamente cosa. Così con la mia auto mi sono precipitato sul luogo dell’incidente. Quando sono arrivato davanti alla Filiale della Carifano, vicino alle strisce pedonali, ho visto l’ambulanza con mio figlio Edoardo dentro che piangeva. Dopo i primi momenti concitati, mia moglie, mia cognata e mia suocera mi hanno raccontato come erano andate le cose e che mio figlio stava bene. Ha solo un bernoccolo e un piccolo graffio in un’orecchio. Mia cognata (che ha 20 anni), è stata molto brava a tenere fermo il passeggino e ad impedirgli di toccare terra. Il bernoccolo Edoardo se l’è fatto probabilmente sbattendo contro il montante del passeggino. Tra l’altro era stato legato molto bene, non solo ai fianchi ma anche sulle spalle, quindi questo ha evitato il peggio.” L’auto del pesarese ha toccato anche le ruote di una bicicletta condotta a mano da una signora che però non ha riportato ferite. In un primo momento, l’assessore ha raccontato che l’auto che ha “toccato” il passeggino, aveva sorpassato una macchina ferma poco prima delle strisce per far attraversare i pedoni, in realtà (dopo aver riparlato con la cognata) ha precisato che la vettura con il sessantenne a bordo viaggiava, lentamente, sulla carreggiata opposta lato monte-mare e che probabilmente per un distrazione ha arrestato l’auto soltanto all’ultimo istante. Per i rilievi di legge sul posto sono intervenuti i Vigili Urbani.

Condividi:

Rispondi