Maltempo: Ricci, lungomare di Pesaro devastato da mare e vento

Maltempo: Ricci, lungomare di Pesaro devastato da mare e vento

PESARO – Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci e l’assessore Andrea Biancani hanno fatto un sopralluogo nelle zone più colpite dal maltempo: il lungomare e sottomonte. Gli stabilimenti che hanno subito maggiori danni, riferisce una nota dell’amministrazione comunale, sono quelli della Palla di Pomodoro (bagni Tina) e sottomonte (bagni Bibi, bagni Margherita e bagni Due Palme). Danneggiata la passeggiata in legno, divelte le panchine, molte delle quali sono state portate via dal mare. A baia Flaminia il mare è arrivato a lambire la strada. Tutta l’area della spiaggia è stata invasa da legnatico e detriti trasportati dalla mareggiata, fino a via Varsavia. Chiusa la parte finale di viale Trieste, raggiunta dal mare che vi ha portato anche sabbia. La vera emergenza è stata causata l’eccezionale innalzamento del fiume Foglia. In corrispondenza di via Sardegna, il livello delle acque ha raggiunto l’argine del fiume, tracimando leggermente; tracimazioni diffuse anche nella zona rurale, tra il ponte di Borgo Santa Maria e Villa Ceccolini. Il Centro operativo comunale ha mobilitato squadre reperibili per verificare eventuali problemi e poter allertare i cittadini in tempo reale. Il monitoraggio viene effettuato insieme ai tecnici della Provincia. Sono state controllate anche alcune scuole vicine al fiume Foglia. ”In via del Carso – spiega Ricci – abbiamo chiesto di evitare di utilizzare i locali al piano terra. Problemi comunque non ci sono stati, altrimenti avremmo chiesto l’evacuazione. Ringraziamo tutti coloro che hanno lavorato senza sosta per tutta la notte e stanno lavorando ridurre i disagi causati dal maltempo”. ”Siamo andati a verificare anche la zona della frana di qualche anno fa, e, fino ad ora non sono stati riscontrati problemi particolari”.

Allagamenti, frane, alberi caduti, strade ostruite da grossi rami, danni a strutture balneari, raffiche di vento a 85 chilometri orari.
Il maltempo, che nei giorni scorsi ha flagellato il nord del Paese, ha purtroppo raggiunto anche la nostra provincia. Questa mattina il sindaco Matteo Ricci e l’assessore Andrea Biancani hanno effettuato un sopralluogo in città, nelle zone più colpite.

Danni ingenti sul lungomare e sottomonte

A causare i danni maggiori sono state le raffiche di vento. Devastato il lungomare. Alcuni stabilimenti balneari hanno subìto danni ingenti, in particolar modo nella zona della Palla di Pomodoro (bagni Tina) e sottomonte (bagni Bibi, bagni Margherita e bagni Due Palme). Si stanno verificando anche eventuali danni alla pista ciclabile sottomonte.
Danni anche alle strutture pubbliche, sempre nella zona della Palla: danneggiata la passeggiata in legno, divelte le panchine, molte delle quali sono state portate via dal mare. Ribaltata dal vento anche la “giostrina” che si trova nelle vicinanze.
A baia Flaminia il mare è arrivato a lambìre la strada. Tutta l’area della spiaggia è stata invasa da legnatico e detriti trasportati dalla mareggiata, fino a via Varsavia.
Chiusa la zona in fondo a viale Trieste (in corrispondenza dell’incrocio con viale Napoli): la strada infatti, raggiunta dal mare che vi ha portato anche sabbia, era allagata.

Alberi caduti
Piante crollate (viale Trieste, viale Trento, via Livorno) e rami sulle strade, frane (strada Ferriera, a Colombarone, strada Fenatacci) e smottamenti in diverse zone della città.

Fiume Foglia
La vera emergenza è stata causata l’eccezionale innalzamento del fiume Foglia. In corrispondenza di via Sardegna, il livello delle acque ha lambìto l’argine del fiume, tracimando leggermente; tracimazioni diffuse anche nella zona rurale, tra il ponte di Borgo Santa Maria e villa Ceccolini. Allagato anche il sottopasso di via Gradara.
“Mai vista una tale forza del mare. I danni maggiori si sono infatti avuti lungo la costa – raccontano il sindaco Ricci e l’assessore Biancani di rientro dai sopralluoghi –, dove il mare, soprattutto a causa del forte vento, è arrivato fino agli stabilimenti balneari, portando via quasi completamente la sabbia che i bagnini avevano depositato a salvaguardia della spiaggia. Stiamo già effettuando una prima valutazione dei danni, che pensiamo, purtroppo, saranno importanti”.

Monitoraggio fiume
Nel pomeriggio è prevista una ulteriore piena. Sempre dunque in allerta gli uomini del Centro operativo, anche per il pomeriggio, con squadre reperibili per verificare eventuali problemi e poter allertare i cittadini in tempo reale. Il monitoraggio viene effettuato insieme ai tecnici della Provincia.
“Il grosso del lavoro è stato effettuato dal Centro operativo, che solo questa mattina ha effettuato 22 interventi nelle zone più colpite, e dalla Protezione civile – proseguono sindaco e assessore -. Effettuati controlli anche nelle scuole vicine al fiume Foglia, per motivi di sicurezza. In via Del Carso abbiamo chiesto di evitare di utilizzare i locali al piano terra. Problemi comunque non ci sono stati, altrimenti avremmo chiesto l’evacuazione. Ringraziamo tutti coloro che hanno lavorato senza sosta per tutta la notte e stanno lavorando per ridurre i disagi causati dal maltempo”.
Diverse frane in tutto il territorio cittadino. Effettuato un sopralluogo anche sottomonte. “Siamo andati a verificare anche la zona della frana di qualche anno fa, e, fino ad ora non sono stati riscontrati problemi particolari”, concludono.

I dati dell’osservatorio Valerio

Pioggia: Ieri e oggi (fino alle ore12) sono caduti 59,6 millimetri di pioggia

Vento: la raffica più forte, di 84,2 km/h, è stata registrata alle 5.12 di notte (vento di Levante)

FOTO1

FOTO2

FOTO3

FOTO4

FOTO6

FOTO7

MATTEOANDREA1

FOTO8

FOTO9

FOTO10

FOTO11

FOTO12

FOTO13

FOTO14

FOTO20

FOTO21

FOTO22

FOTO23

 

oasi4

oasi3

oasi2

oasi1

 

Condividi:

Rispondi