Lupus: “Outlet stoppato da Tagliolini, avevamo ragione”

Lupus: “Outlet stoppato da Tagliolini, avevamo ragione”

MONDOLFO – “L’associazione ambientalista “La Lupus in Fabula” accoglie con favore la presa di posizione del presidente della Provincia Tagliolini, il quale, finalmente, ha trovato il coraggio di dire ai propri amici di partito del comune di Mondolfo che la stavano facendo troppo grossa.
Siamo stati attaccati dal sindaco Cavallo, dal PD e dal PSI mondolfese, i quali con pura propaganda politica hanno cercato di nascondere alla popolazione i sotterfugi procedurali con cui avrebbero preteso di eludere le normative.
Come puntualmente evidenziato nella nostra diffida e come ribadito da Tagliolini dopo aver sentito più volte i tecnici della provincia, la questione è tecnica ed è necessaria una variante al PTC provinciale, che deve seguire il suo iter di legge, non le fantasticherie propinate dal sindaco Cavallo, dall’assessore all’urbanistica Lucchetti e dalla giunta di Mondolfo.
Un iter, quello della variante al PTC, che offrirà la possibilità a tutti i soggetti chiamati in causa, come prevede sia la normativa settoriale sul commercio, sia quella più generale in materia di pianificazione territoriale e valutazione ambientale strategica, di essere coinvolti in un processo decisionale che interessa, nel bene e nel male, l’intera provincia.
Tuttavia il Presidente della Provincia ha ripetuto una grossa inesattezza, da tempo propagandata da Cavallo e dall’assessore Lucchetti, e cioè che nel territorio di Mondolfo ci sarebbe già un’altra area idonea all’ubicazione dell’outlet.
Trattasi di una affermazione che, in realtà, non trova alcun riscontro nel PTC vigente, in quanto nel territorio di Mondolfo non ci sono aree centrali di primo livello a destinazione terziaria. Esiste solo un’area centrale di 2° livello, in zona Sterpettine, ormai satura e a destinazione artigianale-industriale.
Avremo comunque tempo e modo di fare presente anche questo al presidente Tagliolini ed all’intera amministrazione provinciale, dal momento che seguiremo con attenzione ogni sviluppo della vicenda”.

Condividi:

Rispondi