Latitante rientra in Italia per partecipare al funerale del padre. Arrestato

Latitante rientra in Italia per partecipare al funerale del padre. Arrestato

FANO – Aveva deciso di rifarsi una vita nel Regno Unito lasciando, nel 2008, moglie e figli in Italia, a Mondolfo (PU). L’ex moglie era finita più volte sulla cronaca locale per chiedere giustizia e sostegno economico per se e per i suoi due figli. La giustizia aveva fatto il suo corso e le denunce dell’ex moglie per violazione degli obblighi di assistenza familiare avevano prodotto nel 2011 una sentenza definitiva.  Anche le istituzioni si erano interessate alla vicenda ed il sindaco in testa si era preoccupato di sostenere la donna ed i figli fino alla maggiore età. Nel frattempo l’uomo, convinto di non dover far mai più ritorno in Italia, non si era preoccupato di difendersi nelle aule dei tribunali. Uno dei figli, inoltre, lo aveva raggiunto ed era andato a vivere insieme a lui. Purtroppo a fine novembre muore a Pergola l’anziano padre. I carabinieri della locale stazione ipotizzano la presenza dell’uomo alle esequie. Difatti, nonostante il concreto pericolo di finire in carcere, l’uomo si è presentato alla camera mortuaria dove era stata ricomposta la salma. Quando ha visto i carabinieri ha capito la situazione. E’ bastato un cenno d’intesa. L’uomo è entrato, ha salutato per l’ultima volta il padre e, uscendo, si è consegnato ai militari che, silenziosamente, lo attendevano all’esterno. L.C. 58enne nativo di Pergola, residente anagraficamente a Mondolfo ma di fatto domiciliato da anni a Winchester (UK) è stato arrestato e condotto in carcere dovendo espiare la pena di 4 mesi di reclusione e 400 euro di multa.

Condividi:

Rispondi