La Settimana Africana chiude il 3 ottobre con la “Notte Nera”

La Settimana Africana chiude il 3 ottobre con la “Notte Nera”

FANO – La Settimana Africana Regionale (XVIII edizione), organizzata da L’Africa Chiama e iniziata domenica 27 settembre con il Premio “HO L’AFRICA NEL CUORE” all’attrice LELLA COSTA, domani 3 ottobre si conluderà con due momenti in luoghi diversi.
alle ore 17, presso la tensostruttura della Sassonia in viale Adriatico in occasione della Giornata Nazionale in Memoria delle vittime dell’immigrazione, è previsto incontro per un momento di preghiera interreligioso organizzato dalla commissione Migrantes dalla Caritas Diocesana e dall’ufficio per il dialogo intereligioso.

Si formerà poi un corteo che, percorrendo via Cristoforo Colombo e via Arco d’Augusto, arriverà al Pincio, dove, alle 18 è previsto un dibattito sul tema “IL POPOLO DEI MIGRANTI VERSO L’EUROPA: ACCOLIERE O RESPINGERE. Interverranno, dopo il saluto dell’assessore alle politiche sociali del comune di Fano Marina Bargnesi, Ettore Fusaro (Caritas Marche), Mounya Allali (Cooperativa Labirinto) e giovani rifugiati nel nostro territorio.
A seguire prenderà il via poi, presso i giardini del Pincio, la Notte Nera: un evento che si ripete da molti anni con musica, artisti di strada, mostre, cibo etnico e tradizionale , mercatini e laboratori per bambini. In questa edizione, molto attesa soprattutto dai giovani, si esibiranno sul palco: i
percussionisti Crezy Djembè, i ragazzi della Vagabend, i nigeriani Devon Miles da Devon and Jah Brothers, il dj set Positive Vibration ed infine da Roma The Reggae Circus di Adriano Bono insieme a Lucignolo e il fuoco.
Il Reggae Circus è il nome di uno show itinerante ideato e diretto da Adriano Bono, ex-cantante di Radici nel Cemento, che dal Settembre 2009 è impegnato in numerosi altri progetti da solista.
Lo spettacolo ha debuttato nella primavera del 2009 a Roma, e da allora il seguito di fan e ammiratori è cresciuto esponenzialmente, grazie alla sua formula vincente che consiste nel felice connubio tra musica Reggae e spettacolo circense, un mix che non si era mai visto prima e che non ha eguali nel mondo.
Il Reggae Circus può sembrare a prima vista una normale serata Reggae, ma in realtà è molto più di un semplice concerto. L’idea di fondo è quella di fondere la musica Reggae (in tutte le sue declinazioni, dal calypso passando per il Rocksteady fino al Dub più spinto) con la magia e la spettacolarità dell’arte circense.
Il motore dello spettacolo è il live-act della resident band del Reggae Circus, la Torpedo Sound Machine, una macchina del suono potentissima e in grado di sonorizzare ogni tipo di intervento artistico sopra e sotto il palco.

Tutto il ricavato della Notte Nera andrà a favore del progetto “Special Children” per i bambini di strada della baraccopoli di Soweto, nella periferia di Nairobi in Kenya, dove L’Africa Chiama ong opera da 14 anni con numerosi interventi umanitari nei settori della nutrizione, istruzione, salute, lotta all’aids e disabilità a sostegno delle persone, in particolare, di bambini e ragazzi in grave difficoltà.

www.lafricachiama.org

Condividi:

Rispondi