La Regione dice ‘no’ agli inceneritori. Serra: “Segnale forte anche dalla politica”

La Regione dice ‘no’ agli inceneritori. Serra: “Segnale forte anche dalla politica”

FANO – “No agli inceneritori. No alle speculazioni ambientali. La salvaguardia delle persone, della salute e dell’ambiente debbono avere la priorità. E’ una mozione importantissima quella che è stata approvata oggi mercoledi 2 dicembre 2015 all’unanimità in consiglio regionale. Dopo anni di battaglie e di lotte da parte dei cittadini e dei comitati arriva un segnale forte anche dalla politica che ha saputo ben recepire le sollecitazioni provenienti dai territori e dai comuni marchigiani.
Ora è importante che la Giunta regionale esprima parere negativo in sede di conferenza Stato-Regioni alla realizzazione nel territorio marchigiano di qualsiasi inceneritore e di qualsiasi capacità, che sia disposta o prevista in attuazione del DL 133/2014.
Non dobbiamo permettere che le Marche diventino oggetto di speculazioni ambientali.
Il Ministero dell’Ambiente ha individuato le Marche come regione idonea ad ospitare un termovalorizzatore della capacità di 200 mila tonnellate all’anno. Non possiamo subire tali scelte passivamente specialmente perché riguardano la salute pubblica e la vivibilità dei nostri territori.
Inoltre va anche detto che la politica dell’incenerimento, oltre ad essere dannosa per l’uomo e per l’ambiente, rischia di disincentivare gli obiettivi virtuosi della raccolta differenziata, portata avanti in maniera ottimale da molti comuni delle Marche, Fano in testa.
Ad oggi la regione Marche , per la differenziata, ha raggiunto la percentuale del 63,4% collocandosi al terzo posto in Italia.
Fano è il primo comune italiano, nella fascia tra 50 e 100 mila abitanti, con la migliore performance in termini di raccolta differenziata, avvio al riciclo e risparmio in emissioni di CO2 equivalente.
Il Sindaco Seri per questo eccellente risultato raggiunto è stato premiato il 25 novembre scorso.
La leadership nazionale di Fano in materia di riciclo è emersa in occasione della presentazione della quinta edizione del rapporto nazionale ANCI-Conai sulla raccolta differenziata e il riciclo, un’indagine che raccoglie dati e informazioni sulle raccolte differenziate in tutti i comuni.
Fano conformemente alla Direttiva europea 98/08 ha raggiunto le percentuali indicate come obiettivi 2020 superandole e raggiungendo il 72.78% di raccolta differenziata e il 67.92% di materiale recuperato. La CO2 risparmiata per ogni tonnellata recuperata è pari a 164 kg.
Un risultato eccellente e di alto virtuosismo per la nostra città in materia ambientale”.

Laura Serra
Consigliere Comunale Lista Civica “Noi Città”

Condividi:

Rispondi