La mamma suora potrà frequentare la figlia. Lo ha stabilito la Cassazione

La mamma suora potrà frequentare la figlia. Lo ha stabilito la Cassazione

Una suora congolese di 43 anni, violentata da un sacerdote, anche lui del Congo, ha ottenuto dalla Cassazione il riconoscimento del diritto a frequentare la bimba nata nel 2011 da quella violenza e data subito in affido a una famiglia perché la religiosa non la aveva voluta riconoscere. Revocata la procedura di adozione. La religiosa non aveva riconosciuto la bimba, nata nel febbraio 2011 a Pesaro, perché voleva continuare a fare la suora con le ‘Petites Soeurs de Nazareth’, l’ordine dove aveva preso i voti nel 1996. Dopo incarichi di responsabilità era stata inviata alla Pontificia università Urbaniana per studiare. Nel marzo 2011 lo stupro, del quale non ha mai rivelato l’identità dell’autore. In seguito al rifiuto della Congregazione di riaccoglierla come suora, la donna ha ripensato il suo rifiuto della bimba, che potrà vedere.

Condividi:

Rispondi