InformaGiovani, una nuova pagina edicata a “Garanzia giovani”, per aiutarli a trovare lavoro

InformaGiovani, una nuova pagina edicata a “Garanzia giovani”, per aiutarli a trovare lavoro

PESARO – Una nuova pagina sul sito dell’InformaGiovani dedicata a “Garanzia giovani”, la campagna di comunicazione sul Piano di lotta alla disoccupazione giovanile messo in campo dal governo italiano in sinergia con l’Unione europea. Non solo. Ci sarà anche il “supporto” di un logo particolare, “No neet”. Il servizio sarà attiva a partire da domani, venerdì 19 dicembre.

Ma chi sono i Neet? Sono i giovani tra i 15 e i 29 anni non iscritti a scuola né all’università, che non lavorano e nemmeno seguono corsi di formazione, stage o aggiornamento professionale (Not in Education, Employment or Training).

Proprio per informare i ragazzi sulle opportunità esistenti, ma soprattutto sugli indirizzi utili e sugli operatori pubblici e privati a cui rivolgersi, l’assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Pesaro, in collaborazione con l’InformaGiovani, ha questa nuova pagina informativa. Sarà inoltre presente uno spazio dedicato alle aziende, soggetti determinanti per il successo del piano.

Dunque, Garanzia giovani offre ai ragazzi opportunità di inserimento nel mondo del lavoro attraverso una serie di azioni concrete come la formazione, il tirocinio, il servizio civile, il contratto di apprendistato, la rete eures, il sostegno all’autoimprenditoria.

“Tra i temi più evidenti relativi al fenomeno – Interviene l’assessore al Benessere Mila Della Dora – vi è il fatto che la maggior parte dei giovani, definiti appunto inattivi, sono relativamente invisibili rispetto ai servizi territoriali che non hanno solitamente strumenti specifici per intercettarli. La prima misura da adottare per ridurre i numeri di questo fenomeno è quella di informare per far emergere questi giovani dall’invisibilità”.

La novità della comunicazione messa in campo con la collaborazione dell’Agenzia per l’Innovazione nell’Amministrazione e nei i servizi pubblici locali di Pesaro, che ha curato insieme all’InformaGiovani il progetto, sta nel fatto che all’interno della pagina dedicata, saranno presenti tutte le azioni finanziate che nel tempo si attiveranno nel nostro territorio, in particolare nel comune di Pesaro, così da poter essere immediatamente consultabili dai giovani interessati che a quel punto non saranno più considerati “neet.”

In Italia i Neet sono oltre due milioni. Il rischio è che questi giovani si trasformino nel tempo in disoccupazione strutturale, una componente che nemmeno i contratti più flessibili riuscirebbero a inserire nel mondo del lavoro, con conseguenze a catena dal punto di vista sociale ed economico.

Condividi:

Rispondi