Incontro in Prefettura per la sicurezza degli sportelli bancomat

Incontro in Prefettura per la sicurezza degli sportelli bancomat

PESARO – Nella mattinata di oggi il Prefetto di Pesaro e Urbino ha presieduto una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica a cui hanno partecipato, oltre ai vertici provinciali delle Forze di Polizia, il rappresentante provinciale dell’ABI ed i direttori delle filiali dei principali istituti bancari esistenti in provincia.
All’ordine del giorno l’esame delle misure di difesa passiva da implementare per aumentare il livello della sicurezza degli sportelli bancomat (ATM), in relazione ai possibili riflessi che l’aggressione agli stessi comporta sulla sicurezza dei cittadini, tenuto conto della loro ubicazione, spesso nei pressi di civiche abitazioni e di negozi e comunque, in zone ad alta densità abitativa, pur non evidenziando i dati relativi a tali reati dimensioni numericamente consistenti.
Nel corso della riunione il Prefetto ha evidenziato che da una rilevazione effettuata per il tramite delle Forze di Polizia è emerso che un certo numero di postazioni bancomat presenti in provincia non sono dotate di tutte le misure di difesa passiva utili a fini preventivi per cui ha segnalato alla particolare attenzione dei direttori degli istituti bancari presenti l’assoluta necessità di procedere all’accentuazione di tali misure, predisponendo, in particolare, l’attivazione generalizzata dei sistemi di macchiatura delle banconote e della videosorveglianza.
Nella riunione è emerso altresì che taluni sportelli bancomat sono dotati di sistemi di difesa passiva di nuova generazione quali l’ “antiskimmer” “o lo “shockbuster”, che consentono l’immediata attivazione dell’allarme in caso di introduzione di oggetti estranei nella postazione bancomat.
Tutti i presenti hanno concordato sull’assoluta necessità che venga posta in essere ogni utile iniziativa per ridurre al minimo la possibilità di perpetrazioni di attacchi ai bancomat, che, soprattutto se attuati a mezzo di esplosivo, mettono a serio repentaglio l’incolumità fisica della popolazione.
Il Prefetto ha rivolto inoltre un particolare appello ai responsabili degli istituti bancari affinchè gli sportelli ATM, in specie nelle giornate dei fine settimana, non vengano eccessivamente caricati di denaro liquido al fine di rendere scarsamente remunerative le azioni criminose.
Mirata attenzione dovrà essere rivolta a quegli sportelli particolarmente aggredibili ed esposti a rischio , quali ad esempio quelli posizionati nelle direttrici di fuga e a tale riguardo le Forze di Polizia si sono dichiarate disponibili a collaborare con gli istituti di credito per individuare le postazioni bancomat che, in ragione della loro particolare ubicazione, necessitano, in via prioritaria, di ulteriori misure di difesa passiva.
Il Prefetto ha altresì raccomandato la tenuta in efficienza dei sistemi di videosorveglianza per consentire ogni possibile utile ausilio ai fini dell’individuazione degli autori dei reati.

Condividi:

Rispondi