Incontri formativi per prendersi cura al meglio degli amici gatti

Incontri formativi per prendersi cura al meglio degli amici gatti

FANO (Pu) – Se avete già un micio in casa o state pensando di adottarne uno, c’è un corso in partenza fatto apposta per chi, come voi, ama i gatti e vuole prendersene cura al meglio, fin da piccolissimi. S’intitola “Il gatto – Istruzioni per amare” ed è promosso dalle associazioni animaliste I Miaonati e Melampo, con il patrocinio dei Comuni di Fano e Pesaro: quattro incontri serali, gratuiti e aperti alla cittadinanza, con l’intervento del medico veterinario dott. Mirko Tonelli e di alcuni volontari delle associazioni, che tratteranno ogni volta un argomento diverso, inerente la vita del gatto. Si comincia mercoledì 4 aprile alle ore 21 alla sala Cubo – San Lazzaro, a Fano, sul tema “Baliatico, la gestione dei neonati orfani” in cui si fornirà un dettagliato vademecum su cosa fare e soprattutto non fare nella gestione dei gattini neonati orfani o che necessitino di allattamento artificiale, con consigli pratici e suggerimenti per vederli crescere forti ed in salute. Il secondo incontro sarà a Pesaro, il 12 aprile alle 21, nella sala grande del Quartiere 2, sul tema “Gestione stalli e inserimento di un nuovo gatto in casa” comportamenti da tenere e da evitare sotto il profilo sanitario e operativo, sia nell’ottica di una duratura adozione, sia nell’ottica di un’ospitalità temporanea, anche in collaborazione con le associazioni animaliste. Terzo appuntamento, di nuovo a Fano, alla sala Cubo, il 18 aprile alle 21, riguarderà “Gatto dentro o fuori casa? Gestione del gatto paralizzato” e sarà incentrata in parte sulla diatriba tra tenere il gatto in casa o dargli la possibilità di uscire, con i relativi rischi, e in parte sulla gestione del gatto plegico. Il quarto e ultimo incontro, in programma il 26 aprile al Quartiere 2 di Pesaro, verterà sui “Pericoli per il gatto in casa”, messa in sicurezza di terrazzi ed eliminazione di altri pericoli domestici, spesso ignorati o sottovalutati, anche attraverso un arricchimento che renda l’ambiente più sicuro.

Condividi:
Articoli meno recenti

Rispondi