Il veglione della Gluppa fa il pieno di maschere

Il veglione della Gluppa fa il pieno di maschere

FANO- Si è tenuto Sabato sera 7 febbraio 2015, come tradizione del Carnevale di Fano vuole, il Veglione della Gluppa, organizzato per l’occasione da Proloco di Fano in collaborazione con Fondazione Fano Solidale e Comune di Fano e con il patrocinio di Ente Carnevalesca.

La serata è stata particolarmente partecipata ed allegra con la partecipazione di una serie di mascherate veramente originali, partendo da una moltitudine di etnie, ovvero Gitani, Tirolesi, Cinesi, per passare ad eventi locali come Chef in the city, gruppi come I Figli dei Fiori ed i Pirati dei Caraibi e le originalissime mascherate di Sassonia con “La maschera ce l’ha portato via il mare” ed Il Dessert del circolo Albatros.
Insomma una serata in cui la maschera ha portato i partecipanti in un mondo di favola, di divertimento.
Nel corso della serata, dopo la sfilata che ha mostrato alla giuria le peculiarità di ciascun gruppo, si sono anche consegnati dei premi; come Miglior Gruppo Mascherato la vittoria è andata ai “Pirati dei Caraibi” di Viviamo Centinarola e secondi “I cinesi” di Quei DLA dal FIUM. La Maschera più orginale è andata ai “Figli dei Fiori” del gruppo di Treponti, che si sono presentati con tanto di furgone al seguito. Altro premio è stata la miglior Gluppa vinta da “I Gitani” del gruppo di Cesaroni che hanno presentato piatti in completo stile gitano.
“Veramente una bella serata – ha commentato il presidente Lucarelli – sia per la risposta dei partecipanti, abbiamo riempito La Combattente in ogni ordine di posti, sia per aver lavorato per mantenere questo veglione che ormai fa parte della tradizione Carnevalesca di Fano. Un complimento a tutti i mascherati”. Alla serata ha partecipato anche il Sindaco Seri che ha preso parte alla premiazione delle mascherate. “Una serata – ha commentato – molto piacevole, dove si vive lo stile del carnevale di Fano. Non sono mancati turisti provenienti da Salerno che hanno voluto partecipare a questa tradizione.

image4

image2

image3

Condividi:

Rispondi