Il “Mondo bambino”: incontro tra Asili Nido, Raccordi e Centri per l’Infanzia e la Terza Commissione

Il “Mondo bambino”: incontro tra Asili Nido, Raccordi e Centri per l’Infanzia e la Terza Commissione

FANO – Il 4 novembre le educatrici di Asili Nido, Raccordi e Centri per l’Infanzia hanno incontrato, presso la sede del Consiglio Comunale, la Terza Commissione.
Era presente l’assessore ai Servizi Educativi Samuele Mascarin.
E’ stato un modo per conoscersi e per dare spazio a futuri pensieri. I Servizi dedicati alla prima infanzia da tanti anni accolgono bambine e bambini dai 3 mesi ai 3 anni.
L’incontro ha permesso di raccontare il “mondo bambino”, quali sono i principi fondanti affinché un bambino piccolo, o molto piccolo, possa crescere sano, curioso, con gioia, in relazione agli altri, in un contesto plurale fuori dalla famiglia.
La continuità con le famiglie, con il territorio, con le altre agenzie educative, è tenuta insieme da un pensiero educativo accogliente e propositivo.
Durante l’incontro è emersa l’importanza che bisogni nuovi si mettano in relazione con i bisogni primari e che le tante realtà educative presenti nella città li accolgono ogni giorno.
Le comunità educative sono portatrici di un “pensiero bambino” che per svilupparsi ha bisogno di ascolto, tempi individualizzati e spazi progettati in modo intenzionale affinché l’autonomia del corpo, del pensiero e l’affettività siano rispettate. Il clima di ascolto durante l’incontro, le giuste parole usate hanno creato la base per riflettere sul perché è importante pensare bambine e bambini come cittadini, e progettare una città a partire anche da loro.
Un lavoro di collegamento e coinvolgimento delle realtà educative della città potrà aprire un dialogo che unisca il sapere, la professionalità e la partecipazione.
E’ stata condivisa la necessità di rilanciare il progetto Fano Città dei Bambini e delle Bambine attraverso una programmazione trasversale ed integrata tra i vari assessorati, sotto la supervisione dell’Ufficio del Sindaco.
Perché tale progetto possa esprimere tutte le sue potenzialità occorre un nuovo approccio culturale che coinvolga in modo progressivo ed ordinato le associazioni di cittadini, le scuole, gli insegnanti, i club anziani, per costruire una comunità più ricca e coesa, una città sostenibile, inclusiva, intelligente che sappia guardare al presente e
al futuro.
Fano 11 novembre 2014

La Presidente della III Commissione

Carla Luzi

Condividi:

Rispondi