Il giro d’Italia del primo velista disabile – VIDEO

Il giro d’Italia del primo velista disabile – VIDEO

FANO – Arriva domani sabato 5 maggio a Marina dei Cesari (provenendo da Rimini,intorno alle 17, mare permettendo) con il suo trimarano Dragon Fly 800, Marco Rossato, 44 enne vicentino, velista da sempre, che ha perso le gambe in un incidente in moto nel 2001 e da allora ha aumentato ancora di più la sua passione per il mare.
Sta facendo il giro d’Italia in solitaria, è partito da Venezia il 22 aprile e arriverà a Genova in settembre con 63 tappe in altrettanti marina, unico compagno e “marinaio in seconda” il fedele cagnolino Muttley.
Obiettivo far conoscere a tutti il suo progetto Tri Sail4All (dove Tri sta per trimarano ma anche per “tricolore”) promosso dall’Associazione sportiva dilettantistica “I Timonieri Sbandati” di cui Rossato è stato co-fondatore e promuovere l’idea che si possono raggiungere grandi mete anche se si ha una disabilità, che non ci sono limiti in mare se si è professionisti prudenti e attrezzati (mentre a terra ci vuole qualcuno che si pre-occupi di eliminare i limiti), che non è giusto negare ai disabili la patente nautica o renderla un’impresa quasi impossibile come oggi in Italia. Nel suo giro dello stivale Marco verificherà anche l’accessibilità dei porti italiani verso i disabili e ne farà una mappa condivisibile su app e monitorerà le coste italiane invase dalla plastica.
A Fano, a Marina dei Cesari, Marco troverà una banchina già attrezzata con una larghezza e un angolo d’inclinazione adatta ai disabili in carrozzella e un team che è già impegnato come lui nella sensibilizzazione sulla difesa del mare dai rifiuti e dalla plastica grazie alla collaborazione con il progetto europeo Clean Sea Life.
In banchina ad accoglierlo anche la Lega Navale di Fano, l’associazione Marinai d’Italia, rappresentanti del Comune e gli amici di Animalido che riserveranno coccole speciali e croccantose per Muttley diventato ormai una star sui social. Per informazioni e per contribuire all’impresa di Marco http://www.sailforall.it/

Condividi:

Rispondi